BITS-RECE: Kaskade, Kaskade Christmas. Natale sul dancefloor

BITS-RECE: radiografia emozionale di un disco in una manciata di bit.
coveralbum
Che Natale sia un momento per battere cassa è una delle più elementari ovvietà del mercato, anche quello discografico. Tra strenne, cofanetti, riedizioni e album in tema, ogni anno veniamo travolti da una vera e propria ondata, spesso di prodotti di discutibile interesse.

Poi per fortuna ogni tanto qualcosa che fa drizzare le antenne arriva.
Quest’anno uno di quei casi è Kaskade Christmas, il progetto natalizio di Kaskade, DJ e producer americano, uno dei maghetti della house degli ultimi anni.
Il suo è un Natale non convenzionale, fatto di classiconi rimaneggiati e inediti farciti di beat, ma senza l’effetto tamarraggine.
Circondato da uno squadrone di amici (Ilsey e Jane XØ tra gli altri), il buon Kaskade riprende evergreen Silent Night, Holy Night e Santa Baby e si diverte a giocare con i ritmi, li stira, li allunga, li accorcia, li veste di beat e si prende la responsabilità anche di qualche svisata melodica, senza rinunciare però a quell’aura speciale che ogni brano di Natale deve avere per statuto.
E anche con gli inediti la formula funziona benissimo.
In Cold December e Winter Wonderland ci mette pure la voce.
Se a Natale capitate sul dancefloor, potreste incontrarci Kaskade….
Unconventional Christmas.

BITS-RECE: Calvin Harris, Funk Wav Bounces vol. 1. La corte dei non-miracoli

BITS-RECE: radiografia di un disco in una manciata di bit.
calvin-harris-funk-wav-bounces-vol1-1500x15001-137050013
È sempre molto interessante quando un dj decide di svincolarsi dalla singola hit per dar vita a un intero album, cioè a un progetto corposo firmato con il proprio nome. È interessante perché difficilmente un dj può fare tutto da solo, ma è quasi sempre costretto a chiamare a raccolta un numero più o meno consistente di altri artisti per dare anima ai brani e, molto più banalmente, renderli più appetibili al vasto pubblico.
Solo un paio di anni fa, è stato meraviglioso vedere quanti nomi blasonati (su tutti, Kylie, Britney e Sia) hanno risposto alla chiamata del decano dell’elettronica, Giorgio Moroder, per il suo ritorno dopo anni di silenzio, e oggi è altrettanto stupefacente vedere che razza di riunione di star è stato in grado di radunare Calvin Harris per il suo Funk Wav Bounces vol. 1.
Una parata di nomi da far impallidire un festival, che però non ha dato a questo disco il piglio che ci si sarebbe aspettato. Insomma, una corte dei miracoli che di miracoli non ne fa.

Il disco spazia tantissimo tra i generi, dal pop all’hip-hop, al funk (tantissimo), e paradossalmente quello che manca più di tutto è proprio la dance, o, meglio, l’EDM. Il titolo sembra infatti alludere all’arrivo di futuri capitoli di una saga che probabilmente non avrà tra i protagonisti la house e l’elettronica. Ponderata scelta programmatica di Harris, è chiaro, ma a cosa serve schierare in campo gente come Frank Ocean, Pharrell Williams, Future, Snoop Dogg, Katy Perry e Nicki Minaj – ma l’elenco è molto più lungo – se poi il risultato è avere tra le mani una manciata di canzoni che, dance o non dance, potrebbe aver scritto e interpretato chiunque? Non c’è niente di veramente brutto in questo album, ma date le premesse qui non ci si può accontentare: qui dentro c’è un concentrato di fuoriclasse, ognuno nel proprio campo, che si sono accontentati di prestare il nome a qualcosa di mediocre, mentre da un album così, prodotto da un gigante come Harris e con ospiti come questi, sarebbero dovuti partire missili atomici.

A volte l’unione non fa la forza.

#MUSICANUOVA: Maxé, I Wonder Why

16683939_280254612392321_6483887959628441444_n
I Wonder Why
è il singolo di Maxé, giovane dj/producer tedesco di origini italiane.

Nelle sue produzioni unisce un mix di sonorità che spaziano dall’elettronica alla musica acustica, alla house, alla nudisco, alla deep house, tutto contaminato da hip-hop, soul e funk, la sua vera passione.
Molte le sue collaborazioni con artisti del calibro di Redman, Method Man, Masta Ace, The Beatnuts, Afrob e Cece Rogers. Inoltre, è anche produttore del progetto GOH e ha preso parte al singolo I Used To Be feat. Redman & Method Man.

Martin Garrix & Dua Lipa, Scared To Be Lonely

martin-garrix-dua-lipa-scared-to-be-lonely-2017-2480x2480
Le presentazioni in questo caso servono a ben poco: basterebbe anche solo dire che Martin Garrix ha chiamato Dua Lipa per dar vita Scared To Be Lonely.

Due protagonisti della scena musicale degli ultimi mesi che uniscono le forze in un pezzo di EDM malinconico e potente.
Basta, tutto il resto  è davvero superfluo e la bellezza del brano sa parlare da sola.

#MUSICANUOVA: MenInSkratch, Inferno

unnamed-6Dj Myke, Dj Aladyn e Dj Yaner. La squadra MenInSkratch è tornata sulla scena con Inferno: cinque minuti e trenta di scratch tra i versi della prima cantica della Divina Commedia di Dante Alighieri.
Sei mani e tre diversi modi di graffiare il vinile sfidano le terzine incatenate in endecasillabi del poeta fiorentino e il risultato è semplice poesia di crossover.
La voce è di Giancarlo Cattaneo.

Ad accompagnare il rientro dei MenInSkratch ci ha pensato il brand streetwear milanese Dolly Noire, sul mercato con una linea dedicata proprio alla Divina Commedia.

#MUSICANUOVA: DJ Mike, A Night With The Goat

Dj Myke, si sa, ama giocherellare con i vinili e rimodellare pezzi del passato “scratchandoli” a modo suo .

Questa volta, complice la festa Halloween, è toccato A night with the goat di Jhon Carpenter.

Il dj di Orvieto ha dato vita alla saga Skratch Instinct, da cui sono già nati i rifacimenti di Volare, Eri Piccola, La gatta, L’americano, fino a Sono un simpatico di Celentano pubblicato a settembre.

Less Is More: arriva il disco d’esordio di Lost Frequencies

 Dopo aver raggiunto il traguardo di 6 dischi di latino in Italia (3 con Are You With Me e 3 con Reality), Felix De Laet, aka Lost Frequencies, pubblica il suo primo album Less Is More.
unnamed-31

Nell’album è contenuto anche il nuovo singolo What Is Love 2016, cover del celebre brano di Haddaway del 1993 in versione deep.

Are You With Me ha conquistato 13 dischi di platino in Europa affermando il talento del giovanissimo produttore, diventato uno dei principali dj/producer della scena deep house mondiale.

Movement Croatia: dal 28 luglio al 1 agosto il meglio dell’elettronica suona a Tisno

Cinque giorni di grande musica elettronica in una location da sogno: impossibile?? NO!
flyermovecro

E’ Movement Croatia Summer Festival 2016: dal 28 luglio al 1 agosto Tisno, in Crozia, ospiterà uno dei più grandi festival di musica in Europa.
A promuovere l’evento è Movement Europe, già alla guida di Movement Torino Music Festival e Kappa FuturFestival presentano, in collaborazione con The Garden Resort. 
Per la prima volta il festival si svolgerà in un nuovo formato diurno e notturno, dopo la club edition della scorsa stagione.

Nelle cinque giornate dell’evento si alternerà il meglio della scena internazionale, con nomi come Sven Väth, Nina Kraviz, Ben Klock, Dave Clarke, Derrick May, Marcel Dettmann, Solomun, David Morales.
1978909_10152277776726224_1885600429_n
Movement Croatia si dividerà in due location principali:

The Garden Resort sarà la sede degli eventi diurni. Locato in una fantastica cornice naturale, immersa nel verde, con baia privata e un incredibile bar sulla spiaggia, così vicino al mare che sembrerà di ballarci dentro : 3 palchi e 2 boat party giornalieri. Il palco principale si trova poco più indietro in una location immersa nella natura, intima ed emozionante. Accanto all’ombra degli alberi l’Olive Grove stage.

Barbarella’s Discotheque ospiterà invece gli after party notturni: una delle più belle discoteche della Croazia, totalmente all’aperto e recentemente menzionata da DJ MAG al 39esimo posto nella classifica dei migliori club al mondo.
11239654_10153355096636224_4021243495506368323_n

I biglietti e i pacchetti ticket+hotel sono disponibili sul sito www.movement.hr.

BITS-RECE: Jean-Michel Jarre, Electronica 2: The Heart Of Noise

BITS-RECE: radiografia di un disco in una manciata di bit.
Jean-Michel-Jarre-Electronica-2
Come aveva fatto lo scorso anno il Gran Maestro della dance Giorgio Moroder, per il suo ultimo progetto anche Jean-Michel Jarre, il sovrano dell’elettronica, si è avvalso di un vero e proprio esercito di ospiti che ha inserito in Electronica, un album spalmato in due volume pubblicati ad alcuni mesi di distanza uno dall’altro.

E se grande accoglienza era stata riservata a The Time Machine, con altrettante aspettative si attendeva la seconda parte del lavoro, The Heart Of Noise.
A far da guida all’album, la relazione tra l’uomo e la tecnologia.
The Heart of Noise è un tributo a Luigi Russolo, il compositore che già nel 1913 predisse l’avvento del sintetizzatore e intuì che l’elettronica e le altre tecnologie avrebbero consentito ai musicisti di “sostituire alla limitata varietà dei timbri degl’istrumenti che l’orchestra possiede oggi, l’infinita varietà di timbri dei rumori, riprodotti con appositi meccanismi”. 

Quello che Jarre ci offre, dopo la già ottima prova d Electronica 1, è un lungo viaggio sonoro zeppo di stimoli e sensazioni, magistralmente create dalle “macchine” elettriche, su cui appoggiano le loro voci ospiti più che illustri, tra cui i Pet Shop Boys, i Primal Scream, Gary Numan, Jeff Mills, Peaches, Hans Zimmer e Cyndi Lauper. Una parata di stelle che appaiono come comete nel cosmo lisergico e abbagliante modellato da Monsieur Jarre.

Tra gli episodi di più forte impatto, la melanconica Brick England, insieme ai Pet Shop Boys e Swipe To The Right con Cyndi Lauper.
Ma c’è poi un ospite che rende ancora più prezioso questo album e ancora più forte il suo messaggio: Edward Snowden, l’ex tecnico della CIA che con le sue rivelazioni ha dato il via al Datagate, lo scandalo sulla sorveglianza di massa messa in atto da alcuni governi all’insaputa dei cittadini, denunciando così l’abuso della tecnologia.
Jarre ha preso la sua voce l’ha piazzata sui veli elettronici di Exit.

Ecco il punto di snodo, la differenza tra un DJ qualunque e uno che dai synth sa tirare fuori musica che pulsa e che parla.

Electronica non è un album di musica elettronica.
Electronica
è un progetto di Jean Michel Jarre.
E c’è una bella differenza.