Lady Gaga, una fuoriclasse al Super Bowl

img_5538
Ha fatto da sola, senza ospiti, accompagnata sul palco solo dai suo i ballerini e dai musicisti. Ha cantato dal vivo, dando grandissimo spazio alle sue vecchie bit, quelle pop e dance, concedendosi all’amato pianoforte solo durante Million Reasons.
Per il suo HalfTime Show, Lady Gaga è stata strepitosa come non mai, una vera fuoriclasse, dimostrando a tutto il nodo (e non esagero, perché la risonanza dell’evento lo permette) cosa voglia dire essere un mostro da palcoscenico.
Ha iniziato sul tetto dello stadio di Houston, intonando God Bless America e This Land Is Your Land, mentre nel cielo sopra di lei centinaia di droni si muovevano compatti a dar vita alla forma della bandiera americana.
Poi si è letteralmente buttata nel vuoto, piombando sul palco sulle note di Poker Face. Da quel momento è stato un susseguirsi di fiammate di musica e coreografie. Spettacolo con la S maiuscola, come diceva essere e come è stato.
Nessun ospite, niente Beyoncé in Telephone – come già si era detto – e nemmeno Tony Bennett per qualche numero jazz.
L’essenza dell’esibizione di Gaga è stato (fortunatamente) il pop, nudo e crudo, che è passato anche attraverso Born This Way, Just Dance e Bad Romance.
Se mai qualcuno ne avesse bisogno, Lady Gaga ha fatto capire come si fa a fare spettacolo. Il resto sono tutte chiacchiere.