Sfera Ebbasta in tour nei palazzetti nel 2019

sfera foto palazzetti
Dopo il grande successo del suo ultimo album Rockstar, già certificato triplo disco di platino nonché il disco più venduto in Italia nel primo semestre dell’anno, e dopo gli innumerevoli sold out registrati in tutta Italia e in Europa con il suo “Sfera Ebbasta Rockstar tour” che ha contato oltre 50 date e milioni di spettatori, il trap king di Cinisello non intende fermarsi e a sorpresa annuncia lo Sfera Ebbasta – Popstar tour 2019, tre imperdibili concerti nelle principali arene indoor che lo vedranno protagonista a partire dal 17 aprile 2019 al Palalottomatica di Roma, per proseguire al Palapartenope di Napoli il 19 aprile e chiudere in grande stile al Mediolanum Forum, nella sua Milano, il 27 aprile.

Tre concerti–evento per la prima volta nei palazzetti per celebrare insieme a tutti i suoi fan gli ottimi risultati di questo 2018 da record.

Le prevendite per i nuovi concerti nei palazzetti sono disponibili già su ticketone al seguente link https://bit.ly/2J3qg91 e acquistabili in tutti i punti vendita autorizzati.

L’intero “Sfera Ebbasta Popstar tour 2019” è ideato e organizzato da Thaurus.

Siamo la repubblica della trap. Il cantautorato di Riccardo Sinigallia torna in Ciao cuore

_D0B7685©fabiolovino
Come il pennello per il pittore, anche la penna di ogni cantautore ha un suo tratto diverso e per questo riconoscibile.
Quello con cui Riccardo Sinigallia firma la sue canzoni è un tratto sottile, a volte solo accennato, tratteggiato, che sa diventare così lieve da quasi scomparire.
La poesia, perché alla fine di poesia si tratta, di Sinigallia procede per accenni, evoca, racconta ritratti di vita senza mai alzare troppo il tono, usa l’ironia quando può e malinconia dove serve. E non si preoccupa di essere “di moda”.

A quattro anni da Per tutti, il cantautore romano torna con un nuovo lavoro di inediti, Ciao cuore, titolo che riprende una verace espressione romanesca con cui “ci si saluta e con una punta di cinismo e di ironia si vuole comunicare l’idea che ciò che serviva dire lo si è detto”. Ciao core.  
Nove brani che sono in realtà ritratti di umanità, fatti di rabbia, leggerezza, denuncia, tenerezza, memoria, slegati da forme prestabilite, canonizzate o standardizzate, per sperimentare le “infinite potenzialità che una canzone può avere”.
L’apertura dell’album è affidata a So delle cose che so, che ha per testo una poesia di Franco Buffoni intercettata per caso su Facebook; c’è il ricordo di Dudù, la tata di Capo Verde, privo però di quella malinconia che ci si aspetterebbe; c’è la vena schietta che celebra la bellezza vuota in Le donne di destra; c’è il pensiero amaro per la morte di Federico Aldrovandi in Che male c’è, scritta a partire da una lettera di Valerio Mastandrea, attore e amico di lunga data del cantautore.
E’ in questa voglia a uscire dagli schemi che Sinigallia parla della “serendipità” che ama trovare nella musica: “Alla base di tutta la mia produzione riconosco l’involontarietà, perché, come diceva Carmelo Bene, la volontà è nefasta nell’arte. L’unica mia volontà sta nella disponibilità a cogliere l’attimo creativo, quel flash che possiamo chiamare ispirazione, e che guida anche le scoperte della scienza. E’ quello che Calvino ha riassunto bene: ‘Stavo attraversando la strada e ho capito tutto'”.
SINIGALLIA_DIGIPACK_COVER_SMALL
Nonostante questa voglia a non farsi ingabbiare nei canoni dello schema-canzone, alla base della sua formazione non può esserci però che la lunga e solida tradizione del cantautorato italiano: “Il cantautorato ha smesso di offrire contenuti negli anni ’80, e il suo spazio è stato occupato dall’indie, che quando è nato, negli anni ’90, era semplicemente la musica che funzionava bene nei locali e non interessava alle case discografiche. Oggi la tendenza è quella di esasperare i piccoli dettagli, e anche il nostro cantautorato si è un po’ cristallizzato nei cliché. ‘Il dentificio è finito e lei mi manca’, è un po’ tutto così: una formula che all’inizio poteva essere interessante, ma che poi è stata portata all’esasperazione”.
Un’evoluzione (o involuzione?) che Sinigallia ritrova anche nella trap, l’altro genere che attualmente va tanto di moda insieme all’indie: “All’inizio la trap ha portato un linguaggio nuovo, perché il rap aveva stancato. I primi lavori della Dark Polo Gang erano interessanti ed erano onesti: forse è stato il fenomeno più onesto dopo i Sangue Misto. Poi però anche la trap ha iterato gli stessi contenuti e si è trasformata in un cliché. Oggi è un’epidemia, una moda da cui sono fuori, per fortuna”.
Trap e indie imperanti nella musica, ma non solo: “Se guardiamo la scena politica, li ritroviamo anche lì: Salvini non è forse la trasposizione della trap? Per i toni che usa potrebbe essere il Young Signorino. E Di Maio non è forse l’esponente indie della politica? Musica, calcio, politica, tutti sono collegati”.
_D0B7661©fabiolovino
Da sempre attento a preservare l’equilibrio tra il testo e la musica, Sinigallia non può che guardare con un po’ di rammarico la situazione attuale del pop italiano, in cui il rapporto tra le due componenti si è sbilanciato a favore del suono, lasciando al testo un ruolo secondario: “La musica pop italiana ha generato un grande equivoco culturale, perché è diventata una sorta di franchising di un marchio statunitense o inglese: gli americani portavano da noi i loro prodotti, che per come erano stati costruiti stavano in piedi benissimo, funzionavano. L’errore è stato voler trasferire quelle stesse strutture e quei suoni nella nostra lingua, che però è molto diversa dall’inglese: le parole sono state incastrate a forza dentro a strutture che non erano adatte, arrivando a produrre contenuti che non vogliono dire assolutamente niente, ma che i discografici hanno appoggiato. Anzi, se qualcuno provava a proporre qualcosa che avesse un minimo di contenuto veniva guardato quasi con spavento. E’ un equivoco letterario portato avanti per 20 anni e tipicamente italiano, perché nel pop francese questo non succede. L’indie ha per fortuna interrotto questa tendenza, anche se poi si è chiuso nei cliché di cui parlavo prima”.
Pur avendo sempre rispettato il gioco tra testo e suono, Sinigallia riconosce che negli anni qualcosa è cambiato nella sua produzione: “Ho sempre avuto una consapevolezza istintiva per rispettare questo rapporto, ma negli anni ho maturato più consapevolezza. Da dopo il mio primo disco penso di aver affinato l’aspetto letterario, ho colto un elemento che prima invece mi sfuggiva, la poesia”.

El Mal Querer: l’urban flamenco di Rosalía nel nuovo album dal 2 novembre

41811644_1814230651994793_5262115354632519680_n
L’album di debutto Los Ángeles, con quelle inedite contaminazioni tra flamenco classico e spirito urban tra elettronica e trap, l’aveva già portata all’attenzione dei media e del pubblico internazionale facendole guadagnare anche il Best New Artist Latin Grammy, ma è stato soprattutto dopo la recente uscita dei singoli Malamente e Pienso En Tu Mirà che il nome di Rosalía ho iniziato a fare sempre più rumore e oggi l’artista di Barcellona è considerata dalla stampa uno dei nuovi protagonisti da tenere d’occhio.

Per il prossimo 2 novembre è stata annunciata l’uscita del suo nuovo album, El Mal Querer, di cui Rosalía ha scritto i testi e le musiche e di cui è anche co-prodotto insieme a El Guincho.
rosalia080 OKFINAL
El Mal Querer rappresenta il modo in cui io intendo il flamenco oggi, ho lavorato due anni interi della mia vita su questo progetto, costruendolo senza fretta. Mi ha aiutato a migliorare e a crescere come musicista, compositrice e produttrice, e per questo sono grata. Il mio sogno è sempre stato quello di condividere la mia musica con le persone e queste sono canzoni create proprio per tutti”.

Personaggi come Pharrell Williams, Khalid, J Balvin, Juanes, Romeo Santos hanno già espresso la loro ammirazione per Rosalía, mentre Pedro Almodóvar è stato conquistato dalla qualità dei suoi video e ha scelto di far debuttare in veste di attrice nel suo nuovo film Dolor y Gloria la cantautrice ventiquattrenne al fianco di Penélope Cruz.

DrefGold, una “kanaglia” in tour

dref 3
Dopo la pubblicazione del suo primo album Kanaglia e dopo aver registrato il tutto esaurito con l’assaggio degli show estivi nelle principali località marine, DrefGold annuncia la partenza del Kanaglia tour che lo vedrà sui palchi italiani per tutta la stagione invernale a partire da sabato 13 ottobre a Orio al Serio (Bg).

Durante i live DrefGold riproporrà anche Wave”, singolo che vede la collaborazione con la “rockstar” Sfera Ebbasta, nata dall’ingresso del giovane artista nell’etichetta fondata dallo stesso Sfera e Charlie Charles, la BillionHeadz Music Group.
Durante l’intero tour ad accompagnarlo sul palco sarà il dj Tooda, al secolo Antonio Pezzella.

Le prevendite per il live sono disponibili sui canali di Thaurus Music. L’intero tour è ideato e organizzato da Thaurus Live.

Questo il calendario:
13 ottobre – Orio Al Serio (BG), Setai
19 ottobre – Tavagnasco (TO), Tavarock
20 ottobre – Tavernerio (CO), K Klass
27 ottobre – Calcinaia (PI), Boccaccio Club
31 ottobre – Rimini, Altromondo Studios
31 ottobre – Corinaldo (AN), Lanterna Azzurra
9 novembre – Roma, Circolo degli Illuminati
10 novembre – Poggiorusco (MN), Priscilla Discoteque
17 novembre – Trofarello (TO), Millionaire Club
24 novembre – Bassano del Grappa (VI), Liv
1 dicembre – Manerba del Garda (BS), Red Clubbing
7 dicembre – Firenze, Viper Theatre
8 dicembre – Treviso, Supersonic
22 dicembre – Genola (CN), Deja Vu
22 dicembre – Torino, Wow Club
5 gennaio 2019 – Catania, Ecs Dogana
19 gennaio 2019 – Nonantola (MO), Vox Club
26 gennaio 2019 – Bologna, Kinder Garden
2 gennaio 2019 – Milano, Magazzini Generali

68: Ernia tra conscious rap, divertimento e rischio di cadere

ERNIA_W_7829
L’occhio sulla copertina sembra voler guardare in faccia l’ascoltatore, scrutare i suoi pensieri, cercare di capire se ha compreso davvero il significato dei brani, se ne ha colto i riferimenti. Perché quando si parla di Ernia si può star certi che nulla – soprattutto le parole – non sono buttate a caso.
Dopo l’uscita del doppio Come uccidere un usignolo/67, avvenuta solo lo scorso settembre, per il milanese Matteo Professore è arrivato il momento della prima vera release ufficiale. Il nuovo album si intitola 68 (e non perché segue 67, che invece si intitolava così proprio in vista dell’uscita successiva), come la linea di autobus che collega Bonola, dove Matteo è cresciuto, con via Bergognone, vicino a Porta Genova, decisamente più in centro e soprattutto centro di una nuova movida modaiola. Un viaggio (anche metaforico) dalla periferia al centro, ma che poteva essere compiuto anche in senso opposto, in una sorta di regressione: fuori dal significato simbolico, significa che questo per Ernia è il disco del grande riscatto e della conferma, ma potrebbe anche essere la causa della sua caduta, ed è proprio lui il primo a esserne consapevole. E poi c’è, in minima parte a dire il vero, un riferimento al ’68 dei movimenti rivoluzionari, di cui oggi ricorrono i 50 anni.

Sulla doppia direzione si muove anche la tracklist di 68, che può essere ascoltata anche dalla fine all’inizio, e in questo senso diventerebbe una carrellata cronologica della carriera del rapper fino ad oggi, dal buio di La paura alla luce di King QT (e qui il riferimento è al quartiere milanese di QT8, oltre a King Kunta di Kendrick Lamar).
Con Ernia ogni stereotipo legato alla figura del rapper cade: non ha la faccia da cattivo ragazzo, non ha il corpo ricoperto da tatuaggi d’ordinanza, non ostenta elogi al denaro e alle donne, ma anzi non di rado infila nei testi citazioni colte, riferimenti letterari, e si ritaglia spazi di riflessione.
Per questo viene considerato uno degli esponenti del conscious rap italiano: “Fino a non molto tempo fa il conscious rap rimandava all’immagine di uno studente fuori sede sfigato, che non amava molto lavarsi e beveva birra calda. A riabilitare il genere sono stati in America artisti come J Cole e Kendrick Lamar, che è forse il miglior rappresentante della corrente: grazie a loro oggi il conscious rap ha trovato legittimazione, si è reso appetibile per le radio e le classifiche ed è considerato cool. I loro numeri lo dimostrano. In Italia invece il rap cita pochissimo, e quando accade spesso il pubblico non riesce a cogliere i riferimenti o li usa in modo sbagliato: c’è una sorta di sofisticata ignoranza. L’obiettivo è farlo diventare solo sofisticato”.
38071639_2047405918624587_4712321680607805440_n

Ma non si pensi che con 68 Ernia si sia rinchiuso in un circolo vizioso alla strenua ricerca dei “contenuti”, perché scorrendo le tracce dell’album non si possono non cogliere i riferimenti alla disco dei Flaminio Maphia della titletrack (“Lo considero il mio brano migliore perché non è una marchettata, ma il giusto equilibrio tra quello che vuole ascoltare il pubblico dell’hip-hop e quello che passano le radio”), o le influenze black, r’n’b, persino i campionamenti di classici jazz e le atmosfere old school. Il pazzo nasce addirittura dall’ascolto di Non al denaro, non all’amore né al cielo di De André, mentre No pussy è un pezzo “cafone” di puro divertimento: “In Italia il rap ha avuto il filtro del centro sociale, e oggi tutti sembrano cercare solo i contenuti, come se la musica fatta per divertimento fosse un male, invece il rap nasce anche con questo spirito e in America le diverse correnti convivono e si accettano tranquillamente. Da noi se riesci a svoltare e a guadagnare facendo rap diventi subito un venduto, mentre ci si dimentica che negli anni ’80 non si contavano i titoli di album che avevano la parola businness nel titolo. Spesso inoltre chi sui forum online critica il rap di oggi accusandolo di superficialità, negli anni ’90 ascoltava Gigi D’Agostino o si piastrava i capelli per andare alle serate del Diabolika: lì il contenuto dov’era? Quale messaggio si veicolava?” 
Non sfugge però, proprio in No pussy, un riferimento politico: “Un quindicenne conosce il rap meglio di me e capisce subito se gli stai proponendo un pezzo impegnato o di contenuto politico, e non lo ascolta perché non gli interessa. Con quel riferimento a Salvini ho voluto indorare un po’ la pillola, mettendo una nota di impegno in un pezzo che è tutto l’opposto”.
Ernia 3
Anche per quanto riguarda l’ondata della trap, le idee di Ernia sono molto chiare: “Mi piace la trap, la ascolto, anche se non sono un artista trap. Sono convinto che sia un trend destinato a finire, e quando succederà saranno in moltissimi a cadere. Sfera Ebbasta resterà, perché lui in quello è il numero uno, e anche se ha un vocabolario molto ristretto è stato quello che ha focalizzato l’attenzione dei media e dei discografici su un genere che in Italia non era ancora arrivato. E’ divisivo, certo, ma per lui è un valore aggiunto. Ma non esistono carriere infinite, e anch’io posso cadere domani, ma quando succederà non sarà per colpa della fine della trap, ma per causa mia“.

Anche nell’epoca del dominio dei social, al live resta un ruolo di fondamentale importanza: “Potrai fare tutte le visualizzazioni che vuoi, ma i risultati si vedono sotto al palco, nel mondo reale. Il live è il momento massimo del nostro lavoro”.

Dal 7 settembre Ernia sarà impegnato nel “68 instore tour” per la presentazione del nuovo album d’inediti.
Gli appuntamenti partiranno partiranno venerdì 7 settembre con un doppio appuntamento prima a Varese presso Varese Dischi e poi a Milano presso il Mondadori Megastore di Piazza duomo per poi proseguire sabato 8 settembre a Monza e poi a Brescia, il 9 settembre a Padova e Bologna, il 10 settembre a Genova e Torino, l’11 settembre a Firenze e Roma, il 12 settembre a Napoli e Salerno, il 13 settembre a Bari e Lecce, il 14 settembre a Mestre e Verona, il 15 settembre a Modena e Forlì, il 16 settembre a Lucca e Massa, il 17 settembre a Frosinone e Caserta, il 18 Settembre a Palermo, il 19 settembre a  Messina e Catania, il 20 settembre a Como e Arese e il 21 settembre a Cagliari.

#MUSICANUOVA: Red Slow, Cocxina pt. 1 (featuring Axos)

37883438_516705048787787_4594017665432944640_n
E’ allarme nel mondo dell’hip-hop: la cocaina riempie le notti dei club, gira tra gli artisti, contagia il pubblico. E il traffico che ha intorno muove sempre più soldi.

Un legame, quello tra la musica e la droga, inscindibile.
Qualche anno fa era la marijuana a farla da padrona, oggi la musica cambia e fa spazio alla polvere bianca più stupefacente in circolazione.

Ok, questa è l’attualità. O meglio, la fanta-attualità, perché se di cocaina si deve parlare, conviene farlo con quella protagonista di Cocxina, il nuovo singolo di Red Slow (Kosmi & Goldentrash), realizzato in collaborazione con Axos.

#MUSICANUOVA: Laioung, In discesa

laioung_in_discesa_cover.jpg___th_320_0
Dopo il potente d’esordio con Ave Cesare: veni, vidi, vici, che lo ha posizionato tra gli artisti e produttori più interessanti della scena trap italiana, e dopo un’annata che lo ha visto impegnato nelle collaborazioni con Fabri Fibra, Guè Pequeno e Biagio Antonacci, oltre alla realizzazzione del primo album della RRR Mob, Laioung si prepara a tornare con un nuovo progetto discografico in uscita in autunno per Sony Music.
Ad anticiparlo è il singolo In discesa.

Le sonorità tipiche delle produzioni di Laioung si contaminano nuove tendenze latin trap, qui sperimentate per la prima volta, e le tematiche sociali, sempre al centro dei suoi lavori, vengono lasciate momentaneamente da parte per fare spazio a un brano che racconta il desiderio e le paure di vivere una vera storia d’amore.

Sfera Ebbasta: a settembre il tour in Europa

sfera - foto European tour
Mentre RockStar continua a occupare la parte alta della classifica e si rivela l’album più venduto dei primi sei mesi dell’anno in Italia con oltre 150 mila copie, Sfera Ebbasta in pieno summer tour annuncia il suo “Sfera Ebbasta RockStar European tour 2018”, preparandosi a conquistare nuovamente l’Europa attraverso nuovi show live che lo vedranno protagonista nei palchi delle principali città europee a partire da settembre.

Lo “Sfera Ebbasta RockStar European tour 2018” partirà da Parigi il prossimo 14 settembre per poi proseguire a Bruxelles (20 settembre), Amsterdam (22 settembre), Barcellona (28 settembre), Ginevra (5 ottobre), Zurigo (6 ottobre), Londra (7 ottobre) e terminare a Katowice il 13 ottobre.

La grande popolarità raggiunta dal trap-king lo hanno portato a fondare l’etichetta discografica BHMG (BillionHeadz Music Group) insieme al suo produttore Charlie Charles. Primi artisti ad entrare in questo roster il rapper DrefGold e il producer Daves the Kid.

L’intero “Sfera Ebbasta European Rockstar Tour 2018” è ideato e organizzato da Thaurus.

Questo il calendario:
14 settembre – Parigi (FR), Wanderlust
20 settembre – Bruxelles (BE), La Madeleine
22 settembre – Amsterdam (NL), Melkweg
28 settembre – Barcellona (SPA), Razzmatazz 2
5 ottobre – Ginevra (CH), Bypass club
6 ottobre – Zurigo (CH), Komplex 457
7 ottobre – Londra (UK), 02 Academy Islington
13 ottobre – Katowice (PL),QueFestiwal

La boccata di Ossigeno di Rkomi tra pensieri, scrittura e rap

RKOMI FOTO 2Un disco che non è un disco e un libro che no è un libro.
A meno di un anno dal fortunato Io in terra, suo primo album ufficiale, Rkomi torna nei negozi dischi (tradizionali e digitali) e nelle librerie (idem) con Ossigeno, un progetto costituito da un EP di sei brani inediti e 112 pagine di pensieri e riflessioni su quanto gli accaduto in questi ultimi mesi, una pausa per guardarsi un attimo indietro, prendere una boccata di respiro e poi ripartire per un nuovo album, già in lavorazione e molto probabilmente pronto per il prossimo anno.

Nelle pagine di Ossigeno non c’è una storia da raccontare, non c’è un romanzo, e nemmeno una biografia, ma le considerazioni di Mirko Martorana, un ragazzo che a poco più di 20 anni si è ritrovato con in mano un contratto con una major discografica, un album certificato oro e una fascia di pubblico sempre più ampia che vede in lui non solo una voce del rap italiano, ma anche un confidente, qualcuno in grado di capirlo davvero: “Sono molto sensibile, e credo che questo si veda, nei miei brani mi apro sempre molto, così come nei live. All’inizio per riuscire ad affrontare il pubblico mi aiutavo con qualche drink, oggi ho imparato a farne a meno, ma la sensazione che provo davanti alla platea è sempre quella di una sorta di ubriacatura”.
Del suo rapporto con i concerti parla in un capitolo di Ossigeno, non a caso intitolato Alcool, mentre altrove racconta di come i fan ritrovino in lui una sorta di psicologo e una sua fan gli abbia addirittura confidato che la prima volta che ha fatto l’amore è stato tenendo Apnea (un brano dell’album precedente, ndr) come colonna sonora.
Una responsabilità indubbiamente grande, ma che dà la prova di come nella scrittura di Rkomi ci sia qualcosa di più profondo di quanto non si ritrovi nei testi degli altri rapper: “La mia scrittura è come un flusso di coscienza e penso che per chi vuole avvicinarsi al rap possa essere un esempio di come fare buona musica. Se mi guardo intorno sento la differenza con molti altri artisti”.
0COVER_FRONT-No EP (1)
A proposito degli inediti dell’EP, Rkomi sottolinea di come siano la colonna sonora perfetta per accompagnare la lettura delle pagine del libro: “Questi brani sono diversi da quello che ho proposto con Io in terra, perché sono in continua sperimentazione, nella musica e nella scrittura. Non sono mai stato un trapper e non mi definisco un rapper: nella trap mi ci sono buttato in passato, ma ormai mi ha rotto, la trovo ripetitiva. Questo EP non è un preludio di ciò che sarò in futuro, è la colonna sonora di questo momento”.

E a proposito di futuro, anticipa che il nuovo lavoro spiazzerà parecchio e darà molta attenzione alle parti strumentali, per farle convivere al meglio con testi.

Nel frattempo, Rkomi sarà impegnato in un instore tour che partirà il 13 luglio da Milano e Varese e poi in una serie di date estive del Io in terra Tour
14 luglio Milano, Ippodromo Snai San siro – Holi Dance festival
20 luglio Torre annunziata (NA), Oplonti
30 luglio Rapallo (GE), Villa Tigullio
18 agosto Termoli (CB), Teatro verde
23 agosto Forte di Vinadio (CN), Balla Coi Cinghiali
25 agosto Quartu Sant’Elena (CA), Tattoo convention
1 settembre Treviso, Home festival
12 settembre Porto Cervo (SS), spiaggia Li Capriccioli

Tracklist di Ossigeno:
Vuoi una mano
Solletico
Per un pugno di emozioni
Sao Paulo
Acqua calda e limone
Ossigeno

Angelo blu: Achille Lauro e Cosmo in un paradiso tra glam e samba-trap

foto backstage Angelo Blu - Lauro DSC01876
Le luci dei neon, colori fluo, glitter e immaginario glam: con il video di Angelo blu Achille Lauro porta in un vortice notturno alla ricerca della libertà.

Con la regia di Andrea Labate, le scene del video sono state girate a Roma e descrivono la voglia di rivincita di cinque individui, un ragazzino, una signora anziana, un venditore ambulante di rose, un centurione e una ragazza insignificante, che, immobili nei confronti della società e incapaci di reagire alla realtà che incalza, riescono a reagire alla loro apatia.

A salvarli, come veri e propri angeli abitanti di paradisi artificiali e stupefacenti, Achille Lauro, Boss Doms e Cosmo li risvegliano e li salvano dal torpore salendo su un palco di una discoteca.
Angelo Blu Copertina
Angelo blu, traccia che apre l’ultimo album di Achille Lauro, Pour l’amour, è un’inedita spiazzante e visionaria commistione di samba-trap ed elettronica: un’unione resa possibile dal fortunato quanto impensabile incontro tra il rapper romano, il producer Boss Doms e il nuovo astro dell’elettropo italiano, Cosmo.

Il video di Angelo blu esce all’indomani del passaggio – a partire da gennaio 2019 – di Achille Lauro a Soundreef.