Giovanni Nuti: “Nel ‘Poema della Croce’ l’imperfezione di Gesù è il suo amore per tutti”


Dieci anni fa, il 1 novembre 2009, ci lasciava Alda Merini, una delle personalità più dirompenti della letteratura italiana del ‘900: la “poetessa dei Navigli”, come la ricordano in tanti, la “poetessa della gioia”, come lei stessa desiderava essere ricordata.
Sono state numerose le manifestazioni organizzate a Milano in questi giorni per ricordare l’anniversario: evento conclusivo del programma di celebrazioni del decennale sarà una nuova rappresentazione del Poema della Croce, che si terrà nella suggestiva cornice della Chiesa di San Marco lunedì 18 novembre con il patrocinio dal Comune di Milano e dell’Arcidiocesi e promosso dall’Associazione Alda Merini.
L’opera, con i testi della stessa Merini e le musiche di Giovanni Nuti, che con la poetessa ha lavorato a strettissimo contatto per 16 anni, rivivrà in un allestimento completamente rinnovato curato da Beppe Menegatti.
A Carla Fracci sarà affidato il ruolo di Maria, che fu interpretato proprio da Alda Merini nel Duomo di Milano nel 2006.

“Carla Fracci è la poetessa della danza”, afferma Giovanni Nuti, “Il suo linguaggio è stato quello del corpo, con cui ha dato voce alla bellezza. Il percorso è lo stesso di quello compito dalla poesia, cambia solo la forma. Ho pensato a lei in questo ruolo rileggendo una poesia che Alda Merini le aveva dedicato, in cui scriveva Tu sei l’amore / tu sei il sentimento / tu sei illogica come la ragione / tu sei leggera come la follia. È perfetta, perché nel Poema della Croce Maria è folle, la sua follia la aiuta ad accettare la scelta di Gesù per dimostrare che la morte non esiste. Per Alda Merini Carla Fracci è amore, come Maria è amore nel Poema della Croce”.

Qual è il significato profondo del Poema della Croce?
“Un salmo della Bibbia recita Chi semina nelle lacrime raccoglierà nella gioia. Il senso del Poema è proprio questo, far capire che Dio sa ‘trasformare le lacrime in vino dolce’, come si recita nell’opera. Ed è proprio questo che Alda Merini ha fatto con la sua poesia, trasformare il dolore in gioia. Un messaggio che non passa mai di moda e che forse oggi è necessario rimarcare più che mai”.

Sembra che parlare di dolore sia più semplice che parlare di gioia.
“Basta guardarsi intorno, non si parla che di dolore, siamo nel dolore. La maggior parte delle persone è focalizzata sul dolore e sull’odio. Dobbiamo invece capire che il messaggio di Gesù è quello di trasformare le lacrime in vino dolce per tutta l’umanità: il suo è un amore incondizionato rivolto a tutti, anche a coloro che non credono e che forse non ne sarebbero meritevoli. L’amore di Gesù è in comunione con i forti e con i deboli, il suo perdono e la sua accoglienza sono per tutti, anche se oggi parlare di accoglienza sembra proibito”.

L’impressione è che anche la Chiesa talvolta non riesca a far arrivare questo messaggio di amore universale. Perché?
“Credo che ci sia un problema di educazione, c’è il timore che si vada sul peccato, e nel momento in cui si contempla il peccato si contempla anche la paura. Dio viene visto come colui che punisce, ma Dio non deve far paura: Gesù, che nella Trinità diventa Dio, accoglie tutti, non giudica. Dio è solo amore, e ama tutti indipendentemente delle scelte che possiamo compiere. Ecco perché il messaggio del Poema della Croce tocca ogni persona, anche coloro che non credono in Dio”.

Esistono davvero persone capaci di fare a meno di un contatto con il soprannaturale? Anna Maria Canopi, benedettina del monastero di clausura di Orta San Giulio, affermava che anche chi si professa ateo in realtà idealizza un proprio Dio a cui rivolgersi.
“È proprio così, a ognuno viene naturale allinearsi a un elemento spirituale, e quando si prova gioia nell’osservare la natura e il mondo si sta gioendo di qualcosa che non è terreno. Nella natura tutto è spirito, lo aveva scoperto Einstein: qualsiasi oggetto è energia, quindi spirito. Ha solo vibrazioni più basse, non percepibili”.

Nell’opera viene anche sviluppato l’amore tra la madre e il figlio: che tipo di amore è?
“Un amore talmente umano in cui chiunque può riconoscersi. Gesù e Maria si presentano per quello che sono anche con i loro difetti. E qui ritorna Alda Merini, che invitava ad abbracciare i propri difetti. I veri giusti sono gli imperfetti: Gesù stesso è imperfetto, Gesù è come noi, è fragile, e lo stesso è Maria. Sono due figure umane con un amore incredibile che sgorga dai loro cuori: i difetti diventano pregi.

In questi anni hai più volte riproposto il Poema della Croce: pensi di averne colto nel tempo dei messaggi nuovi?
“Siamo tutti in continua evoluzione, e un testo che tratta un messaggio così potente offre sempre qualcosa di nuovo, probabilmente tra 20 anni scoprirò ancora qualcosa che non sono riuscito a cogliere. Nel Poema della Croce c’è una maestria incredibile. Per questa nuova rappresentazione ho analizzato attentamente il testo insieme a Beppe Menegatti, regista che proviene dalla scuola di Visconti, facendo un lavoro che spesso gli attori non fanno più, ma che è stato molto utile”.

Cosa ti piacerebbe che le nuove generazioni cogliessero nel Poema della Croce?
“L’accettazione e l’importanza dell’unicità di ognuno, che è un elemento straordinario: la bellezza sta nelle emozioni, non nell’adesione a un canone, anche se i valori della società sono all’opposto e viene insegnato solo a primeggiare sugli altri. Ognuno di noi è un capolavoro di Dio. Il Poema della Croce mostra anche che la vera morte è la morte dell’Ego, perché l’amore è eterno e il messaggio della Croce è la rinascita”.

Oggi, a dieci anni dalla morte di Alda Merini, quale pensi che sia la sua più importante eredità?
“È difficile dirlo, perché la sua è un’eredità davvero grande e sta nella sua poesia. Dentro alla sua poesia c’è introspezione, analisi, un lungo percorso che passa anche dal dolore per poi abbandonarlo. Credo che il suo più importante insegnamento sia che il nostro destino è quello di essere felici. Alda sapeva cogliere la preziosità in un bicchier d’acqua: se si riesce a cogliere la preziosità in una cosa così piccola, quanto si può essere felici nell’osservare tutto quello che ci circonda?”

Giovanni Nuti e Carla Fracci saranno accompagnati da un’orchestra di 15 elementi e 5 cantori diretti dal maestro Daniele Ferretti, con la partecipazione di Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta, alcuni danzatori della compagnia Jas Art Ballet, e l’attore Jonathan Lazzini.
I proventi della serata (biglietti 80€, 50€, 30€ – TicketOne) saranno interamente devoluti per progetti di ricerca e assistenza di AIM – Istituto Besta e di Lega Italiana Sclerosi Multipla.

VASCO NON STOP LIVE FESTIVAL: 4 concerti nei 4 festival rock più importanti dell’estate 2020.

VASCO

NON STOP LIVE FESTIVAL 

concerti nei 4 festival rock
più importanti dell’estate


Vasco Rossi aprirà Firenze Rocks,
chiuderà gli I-Days, si esibirà al Circo Massimo
e infine all’Autodromo di Imola

Se ti potessi dire #N1 in radio,
la più programmata della settimana

 

Come annunciato in uno dei suoi famosi post “in anteprima abusiva per voi”, il 2020 sarà l’anno dei Festival rock per Vasco Rossi che, per l’estate prossima, sceglie di fare una pausa dagli stadi e di esibirsi, invece, eccezionalmente nei più importanti Festival Rock della penisola.

Tutti pronti a partire per il nuovo viaggio Non Stop Live Festival con 4 concerti imperdibili:
Il 10 giugno aprirà  Firenze Rocks alla Visarno Arena, il 15 giugno chiuderà  gli I-Days al MIND Milano Innovation District (area expo), il 19 giugno al Rock in Roma al Circo Massimo e, come evento conclusivo,  il 26 giugno  all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola,  che proprio Vasco inaugurò al rock nel 1998 con l’indimenticabile prima edizione dell’Heineken Jammin’ Festival (memorabile la  prima carica pacifica dei  130.000 fan, Vasco ci è poi tornato nel 2001 e nel 2005).

E così, mentre Il video di “Se ti potessi dire” è a oltre 3 MILIONI di visualizzazioni e la canzone è la più programmata in assoluto dalle radio questa settimana, le buone  notizie  di fine anno per i fan si susseguono:
dall’appuntamento al cinema (25, 26 e 27 novembre), con il Music Film di Pepsy Romanoff per rivivere le emozioni di due trionfali estati rock , da giugno 018 a giugno 019 (con  oltre 900.000 spettatori), al doppio live tratto dai 6/6 concerti, Record a San Siro in uscita il 6 dicembre prossimo, a 6 mesi dall’ “impresa compiuta”, 6 volte 6 allo stadio milanese.

CALENDARIO  VASCO NON STOP LIVE FESTIVAL

10 GIUGNO 2020    FIRENZE ROCKS – VISARNO ARENA
15 GIUGNO 2020    I-DAYS 2020 – MIND Milano Innovation District (area expo)
19 GIUGNO 2020    ROCK IN ROMA – CIRCO MASSIMO
26 GIUGNO 2020    IMOLA – AUTODROMO INTERNAZIONALE ENZO E DINO FERRARI

I biglietti per le quattro date saranno disponibili in anteprima per gli iscritti al Fanclub ufficiale dalle ore 12.00 di lunedì 18 novembre 2019 su Vivaticket.it.
I titolari di carte Intesa Sanpaolo avranno accesso alla pre-sale per le date di Firenze Rocks e I-Days dalle ore 10.00 di martedì 19 novembre sul sito www.ticketone.it/intesasanpaolo.
La messa in vendita generale per tutti e quattro i concerti inizierà, invece, a partire dalle ore 11.00 di giovedì 21 novembre sulle piattaforme Vivaticket.it, Ticketmaster.it, TicketOne.it e in tutti i punti vendita autorizzati.
Virgin Radio è la radio ufficiale del NON STOP LIVE FESTIVAL.

I Sudcoreani HYUKOH tornano in Italia dopo il sold out del 2018 per presentare il nuovo album!

HYUKOH

IL RITORNO IN ITALIA DELLA INDIE ROCK BAND SUD COREANA

Gli Hyukoh sono pronti a tornare in Italia dopo lo straordinario sold out registrato un anno fa: suoneranno infatti martedì 28 aprile 2020 all’Alcatraz di Milano. I biglietti saranno disponibili a partire dalle ore 10 di venerdì 15 novembre 2019 sui circuiti VivaticketTicketone Ticketmaster (online e punti vendita).

Sono quattro i componenti della band indie rock coreanaOHHYUK (voce, chitarra e produttore), DONGGEON (basso), HYUNJAE (chitarra) e INWOO (percussioni). Il successo per gli Hyukoh è stato immediato: non solo in Corea, dove fin dal primo momento si sono contraddistinti per il loro approccio alla musica e alla moda, ma anche a livello internazionale, conquistando in pochissimo tempo tantissimi fan nel mondo. Con il primo EP 20, uscito nel 2014, hanno travalicato i confini nazionali, contribuendo ad aumentare la popolarità della scena sud coreana nel resto del mondo.

Ogni disco della saga discografica (uscita per DOOROODOOROO) composta dagli EP e album 202223 e 24: How to find true love and happiness ha raggiunto la prima posizione nelle principali piattaforme streaming della Corea. Quest’ultimo si è inoltre piazzato al primo posto nelle classifiche Apple in tutta l’Asia, conquistando la classifica degli album più venduti. Al momento sono a lavoro sul nuovo atteso album la cui uscita è prevista per il prossimo anno.

Gli Hyukoh esprimono l’essenza di una gioventù libera e folle e, al tempo stesso, vuota e abbandonata a sé stessa con il loro stile peculiare, testimoniato dalle collaborazioni con numerosi brand, quali Converse e Chevrolet, oltre che con la loro musica, i video e le esibizioni. Nel 2017 il loro tour mondiale ha toccato 25 città tra l’Asia, il Nord America e l’Europa. Nel 2018 si sono resi protagonisti di un’altra tournée internazionale per la presentazione dell’album 24: How to find true love and happiness Tour che ha coinvolto ben 50 città nel mondo. Nel 2019 la band ha raggiunto la sua consacrazione suonando al Coachella e in altri festival internazionali come Lowlands e Pukkelpop. Una serie lunghissima di live che i quattro musicisti non hanno intenzione di interrompere, regalando il prossimo anno un nuovo tour ai fan di tutto il mondo.

 HYUKOH

Europe Tour 2020

Martedì 28 Aprile 2020

Milano, Alcatraz – Via Valtellina, 25

Posto unico in piedi € 25,00 + prev.

Inizio concerto h 21:00

Biglietti disponibili su VivaticketTicketone Ticketmaster (sito e punti vendita). Diffidate dai canali di vendita non ufficiali!

Ensi, il rap controcorrente ai Magazzini Generali!

Il Clash Tour è finalmente passato anche da Milano.
Ieri sera, 13 novembre, i Magazzini Generali si sono trasformati in una vera e propria giungla nella quale il rapper Ensi e i suoi fan non hanno esitato a spingersi attratti dalla grafica delle casse immerse tra le piante dietro la console.

Pronti e via ed è subito volume al massimo, e dopo un’intro di bassi prepotenti ecco Ensi che si presenta sul palco con la chiara intenzione di dimostrare ancora una volta che il vero rap non è morto.
Con alle spalle Dj Mad Kid, il rapper torinese ha presentato i brani che compongono il suo ultimo progetto “Clash”, rinfrescando la memoria con alcuni di quelli presenti nell’album del 2017 “V” e alternandoli a momenti di freestyle (riconfermandosi il king di quest’arte).
Sul palco hanno fatto visita Johnny Marsiglia – definito da Ensi “il suo rapper preferito”, Madame – ormai icona del rap femminile italiano -, Attila, un sempre infuocato Nerone, Axos, Lazza, Jack The Smoker e Clementino, tutti quanti accolti con amore dai Magazzini.
Determinato ad andare contro l’attuale corrente musicale, Ensi impronta il live sulla tecnica, sull’essenza del [rap] genere a cui ha deciso di votare la sua carriera e soprattutto sul cantare dal vivo senza voci registrate- aspetto che di questi tempi è raro vedere nel mondo rap/trap.

La voglia di trasmettere emozioni e di raccontarsi si manifesta anche nell’ultimo album: tanta è la rabbia e l’indignazione verso un mondo sempre più improntato sull’apparenza e sulla moda e sempre meno sulla purezza e l’amore verso la cultura e la musica.
Ensi si presenta dunque in versione “belva della giungla” ma ha il coraggio di mostrare anche la sua parte più vulnerabile con i brani “Vita eterna” e “Fratello mio”, affermando siano i più difficili da inserire in scaletta essendo estremamente personali; emozionante, infatti, il momento in cui viene ricordato il collega e amico Primo. L’immagine che ne nasce rappresenta e rappresenterà di certo un forte ricordo per tutti i partecipanti alla serata: volto visibilmente commosso, occhi lucidi, dito verso il cielo e voce che intona:
“Per ogni vero MC, è grazie a voi se rimo
Grazie ad ogni vero king, rest in peace Primo”.

Per più di un’ora e mezza il pubblico ha partecipato attivamente, si è lasciato guidare nella selva del mondo di Ensi senza mai privare di applausi, canti a squarciagola e affetto questo artista di Alpignano capace di riunire persone di quasi ogni età.
Questo si chiama coinvolgimento a 360°.

In conclusione: tecnicamente perfetto, pulito e preciso nelle rime e coinvolgente dall’inizio alla fine.
Il pubblico aveva bisogno di questa esibizione, la scena italiana aveva bisogno di questa esibizione. Ed Ensi ha risposto alla chiamata.
“Vieni a vedermi live”, dice in una canzone: seguite il consiglio.

Le dita al cielo che formano la V
V di Vincent, suo figlio il quale gli ha donato una nuova vita
V di Vero, come ha dimostrato di essere lui
V di Vittoria, quella che ha conquistato ieri nella città che lo ha accolto e lo ama.

 

Report a cura di Luca Giardini.

Benji & Fede all’Arena di Verona- il concerto evento il 3 maggio 2020.

BENJI & FEDE

ALL’ARENA DI VERONA – IL CONCERTO EVENTO

IL DUO PIÙ FAMOSO DELLA MUSICA ITALIANA

DOPO LA PUBBLICAZIONE DEL LORO NUOVO ALBUM

« GOOD VIBES »

SUBITO AL N.1 DELLA CLASSIFICA DI VENDITA

TORNA LIVE NEL 2020 CON UN EVENTO UNICO

DOMENICA 3 MAGGIO 2020

 

Apertura cancelli – Ore 19:00

Inizio show – Ore 21:00

Prevendite Autorizzate:

Ticketone.it

 

Biglietti disponibili su ticketone.it da venerdì 15 novembre 2019 ore 14.00

e in tutti i punti vendita Ticketone da mercoledì 20 novembre alle ore 11.00

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali

Consulta il sito www.vivoconcerti.com per scoprire i prezzi e tutti i dettagli del VIP PACKAGE

 

Dopo la pubblicazione del loro nuovo album “Good Vibes” che per la quinta volta li ha portati con un album direttamente al n.1 della classifica di vendita ufficiale, BENJI & FEDE annunciano un grande appuntamento live con una data speciale all’Arena di Verona, prevista per domenica 3 maggio 2020. 

Benji & Fede hanno così dichiarato sui loro social annunciando il concerto con un video: “Domenica 3 Maggio 2020 ci sarà l’evento più importante della nostra carriera all’Arena di Verona: in una serata unica ripercorreremo con voi il lungo percorso che abbiamo vissuto insieme in questi anni. Per noi è un grande traguardo, sarà una festa incredibile per celebrare la musica e i momenti più belli, dalla prima cover in cameretta a tutte le canzoni del nuovo album.”

Guarda il video: https://www.instagram.com/p/B4znZMsIPMn/?igshid=1cf04q8mmx61r

Dopo due date al Forum di Assago andate esaurite in pochissimo tempo e due tour nei palazzetti e nei club d’Italia, il duo più famoso d’Italia si esibirà per la prima volta all’Arena di Verona proponendo i brani più famosi dei loro album, dalla hit di quest’estate “Dove e Quando”, che ha conquistato la vetta di tutte le classifiche italiane, ottenendo la tripla certificazione platino, ai nuovi brani, tra cui “Sale” feat. Shari, oltre ai successi del passato “Moscow Mule”, “Tutto per una ragione”, “Buona fortuna” e molti altri.

DETTAGLI DATA

 

Prezzi biglietti:

VIP Package Experience: € 120,00 + € 9,00 diritti di prevendita

Poltronissima Silver Numerata: € 50,00 + € 7,50 diritti di prevendita

Poltronissima Numerata: € 45,00 + € 6,75 diritti di prevendita

Poltrona Numerata: € 40,00 + € 6,00 diritti di prevendita

Gradinata 1 Numerata: € 35,00 + € 5,25 diritti di prevendita

Gradinata 2 Non Numerata: € 30,00 + € 4,50 diritti di prevendita

DETTAGLI VIP PACKAGE EXPERIENCE

Il VIP Package Experience include:

– Un biglietto di Poltronissima Gold

– Early Entry: accesso prioritario alla venue

– Accesso esclusivo al soundcheck di Benji & Fede prima dello show

– Gadget omaggio

JOE SATRIANI: Torna live in ITALIA per 5 imperdibili date previste a MAGGIO 2020!

UNO DEI CHITARRISTI PIÙ PRESTIGIOSI DELLA STORIA DEL ROCK

 

HA CALCATO I PALCHI DI TUTTO IL MONDO INSIEME A ROCK STAR COME MICK JAGGER E GLENN HUGHES

 

TORNA LIVE CON UN INCREDIBILE TOUR

CHE ATTRAVERSERÀ L’EUROPA E GLI STATI UNITI

JOE SATRIANI

THE SHAPESHIFTING TOUR 2020 

 

Prevendite Autorizzate:

Ticketone.it

 

Biglietti disponibili su ticketone.it a partire dalle ore 12.00 di venerdì 15 novembre 2019 

e in tutte le rivendite autorizzate Ticketone dalle ore 12.00 di mercoledì 20 novembre 2019

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali

JOE SATRIANI, una delle figure più prestigiose nella storia della musica rock, sarà in Italia il prossimo anno con cinque imperdibili date del suo THE SHAPESHIFTING TOUR 2020. 

 

I live del musicista sono previsti per martedì 12 maggio 2020 al Teatro Verdi di Firenze, giovedì 14 maggio al Teatro Augusteo di Napoli, venerdì 15 maggio al Teatro Politeama Greco di Lecce, sabato 16 maggio all’Auditorium Conciliazione di Roma e per concludere lunedì 18 maggio al Teatro dal Verme di Milano.

Vero e proprio pioniere, nonché esempio di stile per tutti coloro che a lui si sono ispirati, JOE SATRIANI è uno dei musicisti più acclamati al mondo, nato artisticamente negli anni ’80, l’epoca d’oro dei chitarristi, visti come dei veri e propri eroi. Nato a Long Island, classe 1956, SATRIANI comincia a suonare la chitarra da autodidatta a 14 anni, influenzato dal grande amore per Jimi Hendrix, e dopo qualche anno inizia a prendere lezioni di jazz.

Nel 1978 inizia a suonare con alcune piccole band locali, grazie alle quali riesce a migliore le sue prestazioni, empatizzare con il palco e guadagnare la fiducia in se stesso. Nel 1986 si unisce a The Greg Kihn Band, rivelandosi come la prima vera opportunità per SATRIANI. Quello stesso anno il chitarrista pubblica il suo primo full-length album da solista dal titolo ‘Not of This Earth’. L’anno successivo pubblica il secondo progetto discografico ‘Surfing with the Alien’ per Relativity Records, chelo trasforma in una vera super star: il disco è certificato platino RIAA, ottiene critiche positive dalla stampa e, considerato tra i lavori più rilevanti del rock mainstream, si classifica alla posizione #29 nella classifica Top 200 album di Billboard.

Nel 1988, Mick Jagger chiede a JOE SATRIANI di accompagnarlo nel suo tour solista: il chitarrista accetta ben volentieri l’offerta, partendo con il cantante e leader dei Rolling Stones per il Giappone. Tornato da quell’esperienza pubblica il suo terzo album in studio ‘Flying in a Blue Dream’ in cui il chitarrista registra anche dei cantati, rivelandosi un successo: i singoli ‘One Big Rush’ e ‘Big Bad Moon’, infatti, raggiungono rispettivamente la posizione #23 e #17 nella classifica Mainstream Rock di Billboard. Nel 1992 SATRIANI pubblica ‘The Extremist’, album contenente il celebre brano hard rock ‘Summer Song’ certificato disco d’oro, che raggiunge la posizione #22 nella classifica Billboard e che conta attualmente 3,2 milioni di streams su Spotify. 

Dopo aver pubblicato nel 1995 il suo sesto e omonimo album, JOE SATRIANI fonda Tour G3, una tournée ideata con Steve Vai ed Eric Johnson con il fine di far conoscere al mondo i chitarristi più virtuosi della scena musicale rock: dato il grande successo, l’evento diventa una vera e propria istituzione e da allora ogni anno collabora con un diverso gruppo di chitarristi a rotazione.

Nel 1998 il musicista pubblica l’album ‘Crystal Planet’, certificato disco d’oro nel Regno Unito e che raggiunge la posizione #50 nella classifica dei Migliori 200 Album per Billboard USA. I primi anni duemila sono tra i più produttivi per il chitarrista che pubblica ‘Engines of Creation’ (2000), un album con sfumature elettroniche; ‘Live in San Francisco’(2001); ‘Strange Beautiful Music’ (2002); ‘The Electric Joe Satriani: An Anthology’ (2003), una raccolta dei migliori brani dell’artista; ‘Is There Love in Space?’ (2004) e ‘Super Colossal’ (2006).

Nel 2009 JOE SATRIANI insieme a Sammy Hagar, Michael Anthony (ex componenti dei Van Halen) e a Chad Smith (ex batterista dei Red Hot Chili Peppers) fonda il supergruppo Chickenfoot, con il quale pubblica due album, pur continuando a lavorare ai suoi progetti da solista. Il 2012 è l’anno dell’album live ‘Satchurated’, seguito da ‘Unstoppable Momentum’ (2013) e ‘Shockwave Supernova’ (2014). Nel gennaio 2018, SATRIANI torna con il suo sedicesimo album in studio, ‘What Happens Next’, registrato insieme al suo compagno di band Chad Smith, alla batteria, e insieme a Glenn Hughes, bassista dei Deep Purple.

THE SHAPESHIFTING TOUR 2020 partirà il prossimo aprile e, dopo aver toccato il Regno Unito e il Nord Europa, arriverà in Italia con cinque imperdibili date, per poi proseguire negli Stati Uniti. Gli appuntamenti italiani saranno un’occasione incredibile per tutti i fan del genere e per scoprire ancora una volta la potenza e la forza di una delle migliori chitarre della storia del rock.

DATE DEL TOUR ITALIANO:

Martedì 12 Maggio 2020 || FIRENZETEATRO VERDI

Giovedì 14 Maggio 2020 || NAPOLITEATRO AUGUSTEO

Venerdì 15 Maggio 2020 || LECCE TEATRO POLITEAMA GRECO

Sabato 16 Maggio 2020 || ROMAAUDITORIUM CONCILIAZIONE

Lunedì 18 Maggio 2020 || MILANOTEATRO DAL VERME

DETTAGLI DATE:

MARTEDÌ 12 MAGGIO 2020 || FIRENZE @ TEATRO VERDI

Apertura porte: 20.00

Show time: 21.00

Prezzi biglietti: 

Prima Platea: € 52,00 + € 7,80 diritti di prevendita

Seconda Platea/Galleria/I,II e III palchi: € 43,00 + € 6,45 diritti di prevendita

Loggione € 30,00 + € 4,50 diritti di prevendita

GIOVEDÌ 14 MAGGIO 2020 || NAPOLI @ TEATRO AUGUSTEO

Apertura porte: 20.00

Show time: 21.00

Prezzi biglietti:

Poltronissima: € 60,00 + € 9,00 diritti di prevendita

Prima Poltrona: € 50,00 + € 7,50 diritti di prevendita

Seconda Poltrona: € 40,00 + € 6,00 diritti di prevendita

Galleria: € 32,00 + € 4,80 diritti di prevendita

VENERDÌ 15 MAGGIO 2020 || LECCE @ TEATRO POLITEAMA GRECO

Apertura porte: 20.00

Show time: 21.00

Prezzi biglietti: 

Poltronissima: € 60,00 + € 9,00 diritti di prevendita

Poltrona: € 50,00 + € 7,50 diritti di prevendita

Palchi I: € 60,00 + € 9,00 diritti di prevendita

Palchi II: € 50,00 + € 7,50 diritti di prevendita

Loggione: € 40,00 + € 6,00 diritti di prevendita

 

SABATO 16 MAGGIO 2020 || ROMA @ AUDITORIUM CONCILIAZIONE

Apertura porte: 20.00

Show time: 21.00

Prezzi biglietti:

Poltronissima: € 60,00 + € 9,00 diritti di prevendita

Poltrona: € 50,00 + € 7,50 diritti di prevendita

I Galleria: € 45,00 + € 6,75 diritti di prevendita

II Galleria: € 40,00 + € 6,00 diritti di prevendita

III Galleria: € 35,00 + € 5,25 diritti di prevendita

 

LUNEDÌ 18 MAGGIO 2020 || MILANO @ TEATRO DAL VERME

Apertura porte: 19.00

Show time: 21.00

Prezzi biglietti: 

Poltronissima Gold: € 60,00 + € 9,00 diritti di prevendita

Poltronissima: € 55,00 + € 8,25 diritti di prevendita

Poltrona: € 50,00 + € 7,50 diritti di prevendita

Balconata: € 45,00 + € 6,75 diritti di prevendita

KRAFTWERK: i pionieri della musica elettronica aggiungono una nuova data italiana al loro tour 3-D del 2020.

KRAFTWERK 3-D

 

I pionieri della musica elettronica

aggiungono una nuova data italiana al tour 2020!

GIOVEDÌ 21 MAGGIO al Gran Teatro Geox di PADOVA

AL VIA DA DOMANI LE PREVENDITE

 

Dopo l’annuncio del live del 25 MAGGIO al Teatro degli Arcimboldi di MILANO, i KRAFTWERK aggiungono una nuova data italiana al loro tour 3-D il 21 MAGGIO al Gran Teatro Geox di PADOVA! I pionieri della musica elettronica si esibiranno dal vivo con un incredibile show multimediale che fonde insieme musica e arte performativa. 

I biglietti saranno disponibili in prevendita a partire dalle ore 11.00 di domani, venerdì 15 novembre, sui circuiti TicketOne e Ticketmaster.

Gli show italiani dei Kraftwerk sono prodotti e organizzati da Intersuoni srl divisione Booking & Management Unit.

Kraftwerk nascono nel 1970 dall’unione di Ralf Hütter e Florian Schneider.  Da sempre innovatori, fin dalla metà degli anni ’70 i Kraftwerk sono riconosciuti a livello mondiale per la loro rivoluzionaria musica elettronica, i loro paesaggi sonori e le originali sperimentazioni con la robotica e altre tecnologie. Con la loro visione avanguardistica, i Kraftwerk hanno creato la colonna sonora per l’era digitale del XXI secolo.

Nelle performance dal vivo dei Kraftwerk – la cui formazione è attualmente composta da Ralf Hütter, Henning Schmitz, Fritz Hilpert e Falk Grieffenhagen – emerge con forza la loro profonda fiducia nell’interazione tra l’uomo e la macchina. Negli ultimi anni, a partire dalla retrospettiva “The Catalogue”, ospitata nel 2012 al MoMA di New York, i Kraftwerk sono tornati alle proprie origini, alla scena artistica e musicale della Düsseldorf di fine anni ‘60. Alla serie di concerti in 3-D al MoMA sono seguite ulteriori presentazioni alla Tate Modern Turbine Hall (Londra), all’Akasaka Blitz (Tokyo), all’Opera House (Sydney), alla Walt Disney Concert Hall (Los Angeles), alla Fondazione Louis Vuitton (Parigi), alla Neue National Galerie (Berlino) e al Guggenheim Museum (Bilbao). Nel 2014, il fondatore dei Krafwerk Ralf Hütter è stato insignito del prestigioso Grammy alla carriera. Ancora nel 2018, i Kraftwerk si sono aggiudicati il Grammy per il miglior album di musica dance ed elettronica con “3-D The Catalogue”, una rivisitazione in chiave high-tech dei precedenti lavori della band.

Francesca Michielin: nuovo singolo e data al Carroponte di Milano.

FRANCESCA MICHIELIN:

DATA AL CARROPONTE
E NUOVO SINGOLO

 

 

L’attesa è finita: Francesca Michielin torna con un nuovo singolo, CHEYENNE feat. Charlie Charles, che ha curato la produzione del brano, in rotazione radio e disponibile su tutte le piattaforme digitali da venerdì 15 novembre, in anticipo al prossimo importante progetto discografico che uscirà in primavera.

La cantautrice e polistrumentista dai mille successi con tre album all’attivo, numerose collaborazioni, quasi 200 milioni di visualizzazioni sul suo canale YouTube e che si è esibita nei palchi più importanti d’Italia, torna sulle scene con un brano inedito che testimonia ancora una volta la sua grande ecletticità e la riconferma come una delle artiste più complete e interessanti del panorama italiano attuale.

 

CHEYENNE, scritto da Alessandro Raina, Davide Simonetta, Mahmood e Charlie Charles è un brano romantico, nostalgico, pieno di contrasti, che nasconde un cuore synth ballabile e incalzante con le sue ritmiche electro-pop. La voce di Francesca si lega in modo speciale alla consolle di Charlie, i tappeti di archi alle percussioni digitali e i vocalizzi tribali al pianoforte.

Francesca racconta la melancolia del ricordo, che scatena emozioni quando associata alla vita. L’illusione di aver vissuto qualcosa di grande, che è poi scomparso senza lasciare traccia. “Se fossimo cheyenne, ma siamo solo gente. Solo gente che sbaglia, poi si chiama amore.”

CHEYENNE è il primo singolo del suo nuovo album, che vedrà la luce nel 2020.

La cantautrice è pronta a tornare anche dal vivo e, per la prima volta, il 20 settembre 2020 suonerà live sul palco del Carroponte, il tempio della musica urban alle porte di Milano. I biglietti per il live, prodotto da Vivo Concerti saranno disponibili in prevendita su www.ticketone.it dalle ore 11.00 del 15 novembre, online e in tutti i punti vendita autorizzati da mercoledì 20 novembre.

––––––––––
FRANCESCA MICHIELIN
20 SETTEMBRE 2020 | CARROPONTE | SESTO S. GIOVANNI (MI)
PREVENDITE DISPONIBILI SU TICKETONE DA VENERDì 15 NOVEMBRE ALLE ORE 11.00

JOE BASTIANICH presenta NEW YORK STORIES, due show di musica e parole che accompagnano l’uscita del suo primo album!

JOE BASTIANICH

DUE SPETTACOLI TRA PAROLE E MUSICA PER PRESENTARE AKA JOE

IL DEBUTTO DISCOGRAFICO DEL RESTAURANT MAN

 

Per lui non sono davvero necessarie presentazioni: Joe Bastianich, the Restaurant Man, sarà presto sul palcoscenico per presentare le sue New York Stories, due show di musica e parole che accompagnano l’uscita del suo primo album Aka Joe (Decca Records/Universal Music Italia). Gli appuntamenti da segnare in calendario: venerdì 24 gennaio al Largo Venue di Roma e sabato 25 gennaio 2020 all’Ecoteatro di Milano. I biglietti saranno disponibili sui circuiti Vivaticket e Ticketone (online e punti vendita)  dalle 10 di giovedì 14 novembre.

I due live saranno degli show speciali dove verrà approfondita non solo l’anima di Joe Bastianich musicista, ma anche la sua parte più intima: il racconto della sua storia personale anche attraverso la Sua nuova avventura discografica, l’album Aka Joe, pubblicato lo scorso 20 settembre. Il lavoro, registrato a Los Angeles, esplora diversi generi quali alternative rockalternative countryAmerican music e trova spazio nel panorama musicale contemporaneo, pur proponendo delle sonorità legate al rock blues e al funky. Scrivere canzoni è una terapia per Bastianich, che ha dichiarato la presenza dei suoi ricordi nelle tracce: “La musica per me rappresenta l’espressione più pura, l’emozione più vicina al cuore. In questo disco ho raccolto l’essenza più vera della mia vita, quella più intima, tra passioni, paure, ambizioni, amore. Racconta molto di me, di ciò che sono, che ho fatto e che farò. È la mia rivelazione più personale e inedita”. La cover dell’album è stata realizzata dall’artista di strada Tvboy (Salvatore Benintende), noto esponente del movimento NeoPop.

Joe Bastianich nasce nel Queens e fin da sempre è un profondo conoscitore e amante di musica, legato ad artisti come Led ZeppelinDavid BowieThe Ramones e Rolling Stones. Questa passione sconfinata emerge anche nei programmi televisivi realizzati in esclusiva per Sky Arte HD che lo hanno coinvolto, come On The Road, nel quale l’Artista si è confrontato con la grande musica popolare italiana, e le narrazioni di Jack On Tour un viaggio alla scoperta della scena musicale di New York e della Music Highway del Tennessee. L’artista vanta anche l’esperienza teatrale Vino Veritas, che ha registrato il sold out in tutte le serate. Lo spettacolo è stato messo in scena per la prima volta al Teatro Franco Parenti di Milano come residence show, dove Bastianich ha alternato ricordi inediti con degustazioni del vino della sua cantina di famiglia, accompagnato dalle canzoni che ha scritto per l’occasione, che sono ora raccolte in Aka Joe.

JOE BASTIANICH

New York Stories

 

Venerdì 24 Gennaio 2020

Roma, Largo Venue – Via Biordo Michelotti, 2

Inizio concerti h. 21:00

Posto unico in piedi: € 20,00 + prev.

Sabato 25 Gennaio 2020

Milano, Ecoteatro – Via Fezzan, 11

Inizio concerti h. 20:45

Posto a sedere numerato € 25,00 + prev.

Biglietti disponibili su Vivaticket Ticketone (online e punti vendita). Diffidate dai canali di vendita non ufficiali!

GIANNA NANNINI: venerdì 15 novembre esce il nuovo disco di inediti “LA DIFFERENZA”, il 30 maggio 2020 in concerto allo Stadio Artemio Franchi di Firenze!

GIANNA NANNINI

 

Alla riscoperta delle origini folk, blues e rock per fare…

LA DIFFERENZA

IL NUOVO ALBUM DI INEDITI

IN USCITA VENERDÌ 15 NOVEMBRE

 

Un disco registrato a Nashville in presa diretta

«che brucia di un fuoco puro e antico ma suonato in epoca digitale»

 

A maggio 2020 al via il TOUR EUROPEO

 

Il 30 maggio 2020 l’atteso concerto allo

STADIO ARTEMIO FRANCHI di FIRENZE

 

Due anni dopo l’album “Amore gigante”, venerdì 15 novembre esce “LA DIFFERENZA” (Charing Cross Records Limited / Sony Music), il nuovo atteso disco di inediti di GIANNA NANNINI, fresca vincitrice del PREMIO TENCO 2019! 

La rocker italiana per antonomasia è ripartita dalle origini folk, blues e rock alla ricerca di ciò che fa la differenza, senza prestare il fianco a nessuna moda ma riaprendo quel capitolo rimasto in sospeso con l’album “California”.

In un periodo storico in cui spesso la realizzazione dei dischi è affidata prevalentemente al digitale, Gianna Nannini ha scelto di realizzare LA DIFFERENZA nei Blackbird Studio di John McBride a Nashville, Tennessee, nel regno dell’analogico, sede di grandi produzioni artistiche blues-rock. Il risultato sono 10 tracce registrate in presa diretta, «che bruciano di un fuoco puro e antico ma suonate in epoca digitale», come l’artista stessa le ha definite. Un disco dedicato a coloro che non hanno paura di essere se stessi e dimostrare il loro coraggio ma anche la loro gentilezza con gesti che «fanno la differenza».

 

Questa la tracklist dell’album: La differenza (singolo attualmente in radio), Romantico e bestiale, Motivo feat. Coez, Gloucester Road, L’aria sta finendo, Canzoni buttate, Per oggi non si muore, Assenza, A chi non ha risposte e Liberiamo. 

Da venerdì 15 novembre LA DIFFERENZA sarà disponibile in versione fisica (CD e vinile) e in digitale nei principali store e piattaforme streaming. Pre order: https://smi.lnk.to/ladifferenza.

Il disco è nato piano, voce e chitarra a Londra in un piccolo studio di Gloucester Road (anche titolo di una canzone dell’album), soprannominato da Gianna “MYFACEStudio”, dove l’artista ha condiviso session improvvisate (documentate sulla sua pagina IG www.instagram.com/officialnannini/?hl=it) con PacificoDave Stewart, Fabio Pianigiani, Mauro Paoluzzi e tanti altri amici e colleghi.

“LA DIFFERENZA” contiene un unico duetto, con Coez, nel brano “Motivo”. Il disco è stato prodotto da Gianna Nannini con Tom Bukovac e Michele Canova, mixato da Alan Moulder (tranne “Motivo” che è stato mixato da Pino “Pinaxa” Pischetola) e registrato da John McBride.

 

Il 30 maggio 2020 Gianna Nannini tornerà live in Italia con un atteso concerto allo Stadio Artemio Franchi di Firenze. Sarà la prima volta in cui la rockstar senese si esibisce nello stadio fiorentino, un evento unico in cui esserci farà la differenza! L’occasione per vivere tutta l’energia di una vera… Gianna da stadio, che porterà sul palco i suoi grandi successi e i brani del nuovo disco.

I biglietti sono disponibili in prevendita su Ticketone.it e nei punti vendita abituali (info su www.friendsandpartners.it).

 

Gianna Nannini nel 2020 sarà impegnata in un tour europeo, che partirà da Londra il 15 maggio per poi proseguire a Parigi, Bruxelles, Lussemburgo e arrivare a giugno in Germania per 4 date. Un lungo viaggio che si concluderà ad ottobre, quando si esibirà di nuovo sui palchi della Germania con 6 date e poi su quelli della Svizzera con 2 date (#GNEuropeanTour).  

Durante la sua lunga carriera, Gianna Nannini ha conquistato generazioni di fan con il suo marchio di fabbrica che unisce dolcezza melodica e trascinante energia. Con la sua presenza scenica unica e un approccio sempre molto diretto, Gianna in questi anni ha conquistato i palchi di tutta Europa ed è considerata il volto femminile del rock per eccellenza!