Rock, dance e luci blu. I Joe D. Palma e il nuovo singolo “112”

“Il tentativo è quello di creare una sorta di dancefloor di classe, tutto suonato, con un’anima profonda ma comunque pur sempre dalla percezione immediata ed ironica”.
L’intento dei Joe D. Palma è chiaro. Pop, rock e dance mescolati per accompagnare storie di tutti i giorni, come quella di 112, il nuovo singolo, racconto un po’ stropicciato di un ritorno a casa dopo una serata di sigarette, Campari e la sensazione che in fondo non va poi così male…. peccato solo per la paura di quelle luci blu…..

I Joe D. Palma nascono nel 2016, dopo alcuni mesi di attività live nel padovano registrano il loro primo EP Generazione Brucaliffo a inizio 2017, per poi legarsi a Libellula Press in estate. Nello stesso periodo inizia la collaborazione con La Clinica Dischi con cui lavorano al Generazione Brucaliffo Tour, che li porterà a suonare in varie città d’Italia ottenendo l’apertura ai concerti di Frah Quintale, Coma Cose, Galeffi, Pop X, Colombre, Management del Dolore Post-Operatorio, Giorgieness.

Dall’Estate 2018 entrano in studio per registrare il loro primo disco Tutto OK sotto la produzione artistica di La Clinica Dischi. Il primo singolo ad anticipare il nuovo lavoro è VHS, pubblicato il 5 aprile, seguito da Pop Corn.

Rispetto all’EP d’esordio, Tutto OK presenta arrangiamenti più strutturati e maturi.

Rock Contest: aperte fino al 4 ottobre le iscrizioni alla 31esima edizione


Meno di un mese alla chiusura delle iscrizioni all’edizione 2019 del Rock Contest, il più longevo concorso nazionale per musicisti emergenti che con la scorsa edizione ha superato il giro di boa dei 30 anni.
La manifestazione è rivolta ai giovani musicisti italiani under 35 ed è organizzata da Controradio e Controradio Club in collaborazione con Comune di Firenze e SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, e Regione Toscana. E ancora, il contributo di Audioglobe, la partnership di Woodworm Label e Locusta Booking.

Le iscrizioni sono aperte fino al 4 ottobre 2019 sul sito www.rockcontest.it, compilando il modulo di preselezione, caricando sull’apposita pagina 3 brani originali (sono escluse le cover version), una o più foto della band o dell’artista, una scheda biografica e uno stage plan (scheda tecnica live). Per gli artisti provenienti da fuori Toscana è previsto un rimborso spese di trasferta relative alle serate della loro esibizione (sono previste agevolazioni per gli eventuali pernottamenti).

Il Rock Contest promuoverà i vincitori delle selezioni live con un supporto produttivo alla loro attività con premi in denaro (primo premio 2.000 euro) da investire nell’attività musicale ed in giorni di studio di registrazione (secondo premio: 5 giorni presso il SAM Recordings).
SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori sosterrà i nuovi autori con un premio di 2.000 euro alla miglior composizione musicale presentata da artisti iscritti SIAE tra i 30 selezionati per il concorso (per gli under 31 l’iscrizione è gratuita).
Alla canzone italiana che meglio descriverà la condizione giovanile andrà il Premio Fondo Sociale Europeo/Giovanisì, dell’importo di 3.000 euro. Il riconoscimento è istituito nell’ambito della campagna di informazione sugli interventi del FSE dedicati ai giovani e sulle altre opportunità di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani. Si conferma anche lo speciale Premio Ernesto de Pascale, dedicato alla memoria del conduttore radiofonico (RAI Stereonotte), giornalista, musicista e storico presidente di giuria del Rock Contest, prematuramente scomparso; al vincitore la registrazione del brano in studio. Per il primo classificato anche la realizzazione di una live session in video dal Blue Moon Studio con riprese curate dai Blanket Studio.

Per partecipare al concorso occorre avere meno di 35 anni (per le band la cifra di 35 è da intendersi come l’età media massima).

Novità di questa edizione, l’immagine che accompagnerà il concorso è una rielaborazione di un dettaglio di San Benedetto e il diavolo di Neroccio de’ Landi (1471), realizzata da Alessandro Baronciani, uno dei fumettisti ed illustratori emergenti italiani più apprezzati, che ha firmato il manifesto del Premio Strega 2019, già autore di copertine di band come Baustelle, Tre Allegri Ragazzi Morti, Sick Tamburo, Perturbazione, e illustratore del libro per ragazzi Nello spazio con Samantha, scritto dall’astronauta Samantha Cristoforetti.

Tutte le informazioni, il regolamento completo e le schede di iscrizione online sono sul sito www.rockcontest.it oppure telefonare allo 055.73.999.46 (dal lunedi al venerdi ore 11.00-13.00 e 14.00-16.00); e-mail contest@controradio.it. Facebook: Rock Contest Controradio

Il concorso è aperto a tutti i generi musicali (rock, indie, elettronica, folk, dream pop, R’n’B, trap, psichedelia, soul, nuovo cantautorato, etc) e si rivolge ad artisti liberi da contratti discografici e/o editoriali. Non sono previste limitazioni per quanto riguarda la lingua usata nel testo. Gli artisti o le formazioni che abbiano già fatto parte dei selezionati nelle precedenti edizioni possono iscriversi solo se non giunti alla serata finale.

Una giuria di preselezione nominata da Controradio sceglierà insindacabilmente i concorrenti che si esibiranno dal vivo nelle serate di selezione e di semifinale previste.
Una giuria di addetti ai lavori provenienti da tutta Italia valuterà invece le esibizioni della serata finale (nelle ultime edizioni nelle giurie si sono avvicendati Alberto Ferrari dei Verdena, Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale, i Ministri, Manuel Agnelli, Appino, Cristina Donà, Rachele Bastreghi dei Baustelle, Max Collini e tanti altri).
La votazione della giuria presente alle serate sarà opportunamente mediata con la votazione da parte degli spettatori, in maniera tale da non penalizzare per i concorrenti che arrivano da fuori regione.

 

“Io sono l’altro” è un messaggio impegnativo di semplice umanità


Per presentare Io sono l’altro, singolo che anticipa il suo nono album Tradizione e tradimento, Niccolò Fabi ha scelto questa piccolo digressione: «Esiste un’espressione “In Lak’ech” che nella cultura Maya non è solo un saluto ma una visione della vita. Può essere tradotta come “io sono un altro te” o “tu sei un altro me”. Che si parta dalla mistica o dalla fisica quantistica si arriva sempre alla conclusione che l’altro è imprescindibile nella nostra vita e che siamo solo particelle di un tutto insondabile. Allora l’empatia diventa non solo un dovere etico, ma l’unica modalità per sopravvivere, l’unica materia che non dovremmo mai dimenticarci di insegnare nelle scuole. Conoscere e praticare i punti di vista degli altri è una grammatica esistenziale, come riuscire ad indossare i loro vestiti, perché sono stati o saranno i nostri in un altro tempo della vita. […]».

In Io sono l’altro non c’è retorica, non c’è buonismo, non c’è nessuna morale da elargire: c’è un messaggio di umanità da mettere in pratica ogni giorno.
Come già scriveva John Donne, “nessun uomo è un’isola”, o almeno non dovrebbe. Perché poi in mezzo si infila la realtà, non quella delle belle parole, quella vissuta davvero, che spesso ci porta al largo, allontanandoci l’uno dall’altro tra rabbia, frustrazioni, egoismi, paure, insegnamenti sbagliati, che spesso sono i più semplici da seguire.
E’ in situazioni così che serve la musica, a ricordarci dove dobbiamo tornare.

Mare RLTD: il 26 ottobre a Milano una performance multimodale tra racconti, suoni, musica e immagini

Un visual designer, un sound designer e un compositore: tre professionisti che uniscono le proprie competenze e le proprie passioni al servizio di un progetto condiviso che prende forma: Mare RLTD (Mare Related).

Mare RLTD è una performance multimodale che trae origine da diverse idee di persone comuni. Queste espressioni individuali si concretizzano in un racconto costituito da un livello sonico concreto, musicale evocativo, visivo sinestetico e narrativo simbolico.
Il mare, da una visione soggettiva utopico-fanciullesca, attraverso una progressiva immersione – che è presa di coscienza – diventa un ambiente reale e distopico che traccia i limiti di una possibile rappresentazione della contemporaneità, nella dialettica eterogeneità-omologazione, individuazione-massa, indifferenza-partecipazione.
Abbandonarsi al mare permette di rimettersi in contatto con la propria natura, accogliendo, anche, gli aspetti terrificanti ed incontrollabili che siamo portati a vedere solo da lontano.

Mare RLTD andrà in scena presso il Mare Culturale Urbano di Milano (via Gabetti 15) il prossimo 26 ottobre.

Lorenzo Ciapponi, visual design
: laureato in Disegno Industriale al Politecnico di Milano lavora come graphic designer e video-maker. Appassionato di arte generativa, studia le possibilità di interazione tra i diversi media con una particolare attenzione alle performance live tramite l’impiego di linguaggi quali processing (http://dojoofideas.space)

Stefano Cucchi, sound design: diplomato in pianoforte e laureato in musica elettronica si occupa di sound design, di sonorizzazioni e di produzioni di musica elettronica e synth-pop.
I suoni interessi di ricerca vanno nella direzione dell’ascolto immersivo, del 3d Audio e della musica binaurale (http://www.questionidiarmonia.com)

Omar Dodaro, composition: laureato in composizione, musica elettronica e psicologia, la sua musica è stata selezionata in festival e concorsi tra l’Europa, il Messico, gli Stati Uniti e l’Indonesia. Ha vinto il premio «Sergio Dragoni» (Società del Quartetto di Milano, 2014) ed è risultato unico classificato al «Pierre Shaffer» (Accademia musicale pescarese, 2006). I suoi lavori sono pubblicati da Da Vinci edition (Osaka) e da Babelscores (Parigi) (http://www.dodaro.net)

Collaboratori: Carlo Gerla (consulente informatico), Lorenzo Pierobon (overtones singing) e Francesca Verga (voce recitante)

Testi: Giovanni Doro, Erika, Isabella Piazza, Silvia, Marta Orlando, Stefania Altiero, Gianni Giolo, Chantal V., Elisabetta, Luisella Bellei, Wania Bianchi, Marco Colombo

Mare RLTD: 26 ottobre, ore 21 @ Mare Culturale Urbano di Milano (via Gabetti 15)
Ingresso: 5 euro
Durata: 60 minuti
NB: Per assistere alla performance è necessario essere muniti di cellulare o tablet carico con powerbank.

Info: info@maremilano.org
http://www.marerltd.com

La “Droga” di Andrea Nardinocchi


Andrea Nardinocchi
è una presenza discreta sulla scena musicale. Lo è sempre stato, fin dall’inizio, fin da quando cantava che voleva “un posto per sé”, con tanta, tantissima voglia di farsi ascoltare.

E’ passato qualche anno, di cose cose ne sono successe tante, forse non tutte buone, ma lui per fortuna a lui la voglia di fare musica e di farsi ascoltare non è mai passata.
Droga è il suo nuovo singolo.

E’ un brano prodotta dal duo Mamakass, ed è una canzone d’amore e di assuefazione, che con immagini e ricordi di vita racconta la dipendenza buona che una persona e un sentimento possono dare.

“Probabilmente l’80% di tutti i pezzi che ho scritto parlano di Lei. Nella maggior parte dei casi questi pezzi, pur essendo canzoni d’amore, non riescono ad essere particolarmente solari. In tutto questo Droga sicuramente non è un’eccezione. Anche perché, in parte, cerca di spiegare il motivo di questa consuetudine con una semplice metafora. L’unica eccezione, ma la più importante, è che non mi fa prendere male – anzi, mi fa un po’ sorridere.”

Ancora una volta, ben tornato.

“Dreamland”: i Pet Shop Boys tornano con Years & Years. Produce ancora Stuart Price


Tornano i Pet Shop Boys , e questa volta non sono soli.
Dreamland, nuovo singolo del duo britannico, è infatti una collaborazione con Years & Years.
Il brano è stato scritto a Londra da Chris Lowe e Neil Tennant con Olly Alexander, che duetta con Neil, ed è stato prodotto da Stuart Price agli Hansa Studios di Berlino e al The Record Plant di Los Angeles.
Si tratta del primo assaggio di musica dei Pet Shop Boys dall’EP Agenda, pubblicato a febbraio, ed è la prima traccia ad essere tratta dal loro imminente nuovo album in studio, in uscita a gennaio 2020, terza parte di una trilogia prodotta da Stuart Price che iniziò con Electric nel 2013, e proseguì con Super nel 2016

Il duo ha annunciato sette spettacoli nel Regno Unito per aprire il loro Dreamworld: The Greatest Hits Live – tra maggio e giugno 2020. Partendo il 28 maggio alla O2 di Londra, il tour vedrà i PSB esibirsi nelle arene del paese, arrivando il 6 giugno alla SSE Hydro di Glasgow.

EROS RAMAZZOTTI: Da oggi tre serate evento all’Arena di Verona.

EROS RAMAZZOTTI

VITA CE N’È WORLD TOUR

 

ARENA DI VERONA

TRE SERATE EVENTO

11 – 12 – 14 SETTEMBRE (SOLD OUT)

 

DAL 24 SETTEMBRE AL VIA LA TERZA LEG EUROPEA DEL TOUR DEI RECORD 

MOSCA E COPENAGHEN SOLD OUT

DA NOVEMBRE EROS TORNA IN ITALIA PRIMA DEL TOUR AMERICANO NEL 2020

 

Prosegue con straordinari record di presenze il VITA CE N’È WORLD TOUR di Eros Ramazzotti, che lo vedrà esibirsi sul palco di una delle location più suggestive al mondo, l’Arena di Verona, per tre eventi imperdibili l’11, il 12 e il 14 settembre (sold out). Tre appuntamenti unici, prima di ripartire per la terza leg europea del tour, che farà tappa anche a Mosca e Copenaghen in ottobre, dove ha già registrato altri due sold out rispettivamente al Crocus City Hall e al KB Hallen. 

Una produzione internazionale, un allestimento innovativo, un’eccellenza italiana e una band incredibile per il tour prodotto da Radiorama, la storica struttura di Ramazzotti coordinata da Gaetano Puglisi, e organizzato da Andrea Pieroni per Vertigo, società del gruppo internazionale CTS Eventim.

Il VITA CE N’È WORLD TOUR ha visto Eros Ramazzotti attraversare ancora una volta con grande successo l’Europa in estate e in questo inizio autunno. Il tour è ripartito ad inizio luglio da Locarno con un sold out, ha toccato ancora con un tutto esaurito l’Alsazia ed è proseguito con la tappa italiana in un’altra delle location più incantevoli del mondo: il Teatro Antico di Taormina, con tre appuntamenti di cui uno sold out.

Il terzo giro europeo del tour toccherà SerbiaGreciaRepubblica di MacedoniaBulgariaSlovacchia e Ucraina, arriverà in Russia con il concerto sold out di Mosca e quello di San Pietroburgo, e proseguirà con le date in FinlandiaLituaniaPoloniaRepubblica CecaUngheriaDanimarcaSvezia e Slovenia per poi tornare di nuovo in Italia a partire da fine novembre, dove sono state aggiunte nuove e ulteriori date a Roma e Milano.

Nel 2020 Eros tornerà negli Stati Uniti, attraversando le principali città del Nord e Sud America, partendo da Bogotà e toccando New York, Toronto e Los Angeles, passando per Buenos Aires e Chicago.

Una incredibile impresa live, una grandiosa avventura dalla produzione internazionale e dall’allestimento innovativo durante la quale, Eros porterà nelle arene più prestigiose del mondo, oltre ai grandi successi che l’hanno reso celebre e con cui ha conquistato milioni di spettatori in 35 anni di carriera, le canzoni del nuovo album VITA CE N’È.

Sul palco insieme a Eros Ramazzotti, otto musicisti d’eccezione e due coristi per una produzione internazionaleLuca Scarpa (Direttore musicale, piano), Giovanni Boscariol (Tastiere), Giorgio Secco Christian Lavoro (Chitarra), Paolo Costa (Basso), e le tre new entry internazionali Corey Sanchez (Chitarra), Eric Moore (Batteria) fenomeno dell’r’n’b e della musica gospel e Scott Paddock (Sassofono), americano celebre per le sue influenze jazz che ha collaborato, tra gli altri, anche con artisti del calibro di Natalie Cole, Jackson Browne, Ray Charles. Ad accompagnare la voce di Eros, Monica Hill e Giorgia Galassi (Cori).

Il VITA CE N’È WORLD TOUR è prodotto da Radiorama e organizzato da Vertigo, società del gruppo internazionale CTS Eventim.

VITA CE N’È WORLD TOUR // Calendario 2019 – 2020

SETTEMBRE

11 Arena di Verona

12 Arena di Verona

14 Arena di Verona – SOLD OUT

24 Belgrade, Stark Arena

27 Athens, Faliro Pavilion

30 Skopie, Boris Trajkovski Vip Arena

OTTOBRE

03 Sofia, Arena Armeec Hall

05 Bratislava, O’Nepela Arena

08 Kiev, Sport Palace

11 Moscow, Crocus City Hall – SOLD OUT

13 St. Petersburg, Ice Palace

15 Helsinki, Hartwall Arena

18 Kaunas, Zalgirio Arena

20 Warsaw, Torwar Hall

22 Prague, O2 Arena

24 Budapest, Arena

27 Copenaghen, KB Hallen – SOLD OUT

30 Stockholm, Ericsson Globe

NOVEMBRE

07 Limassol, Athletic Center

09 Tel Aviv, Menora Mivtachim Arena

23 Lubiana, Arena Stozice

26 Bolzano, Palaonda

29 Rimini, RDS Stadium

DICEMBRE

03 Ancona, Pala Prometeo

06 Eboli (SA), PalaSele

11 Roma, Palazzo dello Sport – NEW!

14 Firenze, Mandela Forum

17 Livorno, PalaModigliani

20 Milano, Mediolanum Forum – NEW!

GENNAIO

28 Guatemala City, Forum Majadas – NEW!

30 San Salvador, Gimnasio Nacional – NEW!

FEBBRAIO

02 Bogotà, Movistar Arena – NEW!

06 Mexico City, Auditorio Nacional – NEW!

08 Monterrey, Auditorio Citibanamex – NEW!

14 Buenos Aires, Luna Park – NEW!

16 Rio De Janeiro, Vivo Rio – NEW!

18 Sao Paulo, Espacio Das Americas – NEW!

22 Atlantic City, Hard Rock Hotel & Casino – NEW!

25 New York, Hulu Theater at Madison Square Garden – NEW!

27 Boston, Boch Center – Wang Theater – NEW!

MARZO

01 Miami, American Airlines Arena – NEW!

04 Chicago, Rosemont Theater – NEW!

07 Toronto, Scotiabank Arena – NEW!

09 Laval, Place Bell – NEW!

13 Los Angeles, The Forum – NEW!

GREEN DAY: il grande ritorno in Italia il 10 giugno 2020 a Milano. Esce oggi il singolo “Father of All…”

GREEN DAY

IL GRANDE RITORNO IN ITALIA

IL 10 GIUGNO 2020 A MILANO

(IPPODROMO SNAI – SAN SIRO)

I GREEN DAY SVELANO IL NUOVO SINGOLO “FATHER OF ALL…”
ESTRATTO DALL’OMONIMO ALBUM IN USCITA IL 7 FEBBRAIO
VIA REPRISE/WARNER RECORDSIL NUOVO TOUR MONDIALE “THE HELLA MEGA TOUR”, IN COLLABORAZIONE CON HARLEY-DAVIDSON, VEDRÀ WEEZER E FALL OUT BOY COME CO-HEADLINER

Green Day, vincitori di 5 Grammy Awards e inseriti nella mitica Rock and Roll Hall of Fame, annunciano il loro nuovo tour mondiale che farà tappa in Italia il prossimo 10 giugno 2020 all’Ippodromo SNAI San Siro di Milano. Contemporaneamente la band svela anche il nuovo attesissimo singolo “Father Of All…”, primo estratto dal loro tredicesimo album in studio (dal titolo omonimo), in uscita il 7 febbraio 2020 su etichetta Reprise/Warner Records.

La band, icona del rock, sarà impegnata in un grande tour mondiale negli stadi assieme ai co-headliner Weezer e Fall Out Boy. The Hella Mega Tour , in collaborazione con Harley-Davidson, prenderà ufficialmente il via il 13 giugno 2020 a Parigi e toccherà svariate città in tutt’Europa, in Gran Bretagna e Nord America. Inoltre i Green Day si esibiranno in una serie di concerti in Asia. Clicca qui per conoscere tutte le date. Il pre-order del disco Father Of All… è disponibile a questo link.

I biglietti per la data italiana saranno disponibili in anteprima per i possessori di Carta American Express a partire dalle ore 10.00 di martedì 17 settembre su https://www.ticketmaster.it/americanexpress . Gli iscritti a MyLiveNation avranno accesso alla pre-sale dalle ore 10.00 di giovedì 19 settembre su www.livenation.it. Entrambe le pre-sale avranno termine alle ore 17:00 di giovedì 19. La messa in vendita generale partirà invece dalle ore 10.00 di venerdì 20 settembre su www.ticketmaster.itwww.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

I Green Day si sono formati nel 1986 a Berkeley (CA) e da allora sono una delle band con più dischi venduti nel mondo di tutti i tempi (oltre 70 milioni di copie vendute e oltre 10 miliardi di streams). Il disco che li ha rivelati al mondo, Dookie, uscito nel 1994, ha venduto oltre 10 milioni di copie e raggiunto la certificazione Diamante, riaccendendo l’interesse popolare e i riflettori sul genere punk rock e proiettando la band verso una carriera costellata di successi e hit planetarie.

Entertainment Weekly ha dichiarato che i Green Day sono “la band più influente della loro generazione”, mentre Rolling Stone  ricorda che “i Green Day hanno ispirato le giovani band più di chiunque altro dopo i Kiss, e continuano a farlo!”.

Nel 2004 i Green Day hanno pubblicato la rock opera American Idiot che ha catturato l’attenzione di un’intera nazione, vendendo oltre 7 milioni di copie negli  Stati Uniti e portando a casa il Grammy Award come miglior Album Rock. Mojo ha dichiarato: “si tratta di un lavoro impressionante, il tipo di disco che instaura nuovi parametri per una band punk/rock’n’roll nel 21° secolo”. Nel 2010 è stata realizzata una versione teatrale di American Idiot  che ha debuttato a Broadway e ha ricevuto grandi consensi di critica e pubblico.

MILES DAVIS : RUBBERBAND guarda il nuovo documentario sull‘ album perduto.

MILES DAVIS : RUBBERBAND

GUARDA IL NUOVO DOCUMENTARIO SULL ‘ALBUM PERDUTO

 

Rubberband è disponibile oggi su CD, LP e in digitale su etichetta Rhino

L’album registrato dopo aver firmato con Warner Bros. è stato completato dai produttori originali Randy Hall e Zane Giles, e dal nipote di Davis Vince Wilburn Jr. Con le vocalist guest Lalah Hathaway e Ledisi

Rubberband, l’album a lungo perduto di Miles Davis è disponibile ovunque oggi, dopo essere stato accantonato per più di 30 anni. Per festeggiare l’uscita Rhino ha prodotto un mini-documentario che racconta il lungo viaggio che ha percorso l’album dalla registrazione alla pubblicazione, con il commento dei produttori originali Randy Hall e Zane Giles, il nipote di Davis e il batterista/produttore Vince Wilburn Jr, le guest vocalist Lalah Hathaway e Ledisi, ed altro ancora. Clicca qui per guardare il documentario ora.

Davis ha scioccato il mondo musicale nel 1985 quando ha lasciato la Columbia Records dopo 30 anni per firmare con Warner Bros. Records. Nell’ottobre di quell’anno ha iniziato a registrare l’album Rubberband a Los Angeles agli Ameraycan Studios con i produttori Hall e Giles. La direzione musicale che stava prendendo Miles Davis durante le sessioni ha segnato una svolta radicale con l’inclusione di ritmi funk e soul; ed il programma di includere come guest vocalist Al Jarreau e Chaka Khan. Infine l’album fu accantonato e Davis continuò a registrare Tutu, lasciano le canzoni di Rubberband inascoltate e intoccate per decenni.

Gli 11 brani di Rubberband sono disponibili oggi su CD, digitale e 2LP 180 grammi. È stato portato a termine da Hall e Giles, con Wilburn, Jr., che aveva suonato le percussioni nelle sessioni originali dell’album nel 1985-86. La cover art dell’album è un dipinto originale di Davis di quel periodo.

Un bundle edizione limitata della versione vinile di Rubberband con un singolo 7 pollici anch’esso edizione limitata della traccia “Paradise”, con due edit non presenti nell’album, è disponibile sul sito Rhino.com

“Zio Miles sarebbe orgoglioso. Io, Randy, Zane e tutti i coinvolti, abbiamo messo il nostro cuore e la nostra anima in Rubberband” confida Wilburn, Jr.

RUBBERBAND

Track Listing

  1. “Rubberband Of Life” – featuring Ledisi
  2. “This Is It”
  3. “Paradise”
  4. “So Emotional” – featuring Lalah Hathaway
  5. “Give It Up”
  6.  “Maze”
  7. “Carnival Time”
  8. “I Love What We Make Together” – featuring Randy Hall
  9. “See I See”
  10. “Echoes In Time/The Wrinkle”
  11. “Rubberband”

David Bowie: un cofanetto speciale per i 50 anni di “Space Oddity”


E’ programmato per il 15 novembre David Bowie Conversation Piece, un cofanetto di 5 CD, ed equivalente digitale, che testimonia la trasformazione iniziale di Bowie nel periodo dal 1968 al 1969, grazie alle home demo, alle sessioni radio BBC e alle registrazioni in studio con il chitarrista John ‘Hutch’ Hutchinson e il gruppo sperimentale Feathers.
La raccolta festeggia inoltre il 50esimo anniversario della pubblicazione del singolo Space Oddity e il secondo album di David, David Bowie (aka Space Oddity).

La raccolta contiene dodici tracce demo inedite del periodo, così come un nuovo missaggio dell’album Space Oddity (aka David Bowie) di Tony Visconti, a lungo produttore/collaboratore di Bowie.
Il nuovo missaggio dell’album contiene la title track del cofanetto Conversation Piece, che occupa ora la sua posizione originale nella tracklisting che a suo tempo era stata modificata a causa di un problema tecnico di minutaggio.

Riguardo il missaggio di Space Oddity 2019 Tony Visconti afferma: “è stato così divertente scovare queste gemme di musica e avere più tempo per mixarle una seconda volta, aggiungendo un gioco di chitarra qui, uno squillo di trombone lì, la voce di Marc Bolan in un coro e molti dettagli in generale che ci siamo fatti sfuggire anni fa, quando l’etichetta ci diede al massimo una settimana per mixare quest’album. Nel dettaglio troverete un David Bowie di 22 anni, che presto avrebbe avuto un successo sconvolgente”.

Un libro di 120 pagine con copertina rigida accompagna il cofanetto e contiene memorabilia esclusivo dalla collezione personale del manager precedente di David, Ken Pitt, così come materiale del David Bowie Archive®, che include foto di Ray Stevenson, Vernon Dewhurst, David Bebbington, Ken Pitt, Alec Byrne, Tony Visconti e Jojanneke Claasen.
Le note di copertina sono state scritte dagli esperti Mark Adams, Tris Penna e Kevin Cann insieme a un contributo degli amici di una vita come David George Underwood, Tony Visconti, Vernon Dewhurst, Dana Gillespie and John ‘Hutch’ Hutchinson.

Il missaggio 2019 dell’album Space Oddity sarà pubblicato separatamente ed individualmente su CD, digitale standard, digitale 96/24 e vinile.
Le varie configurazioni in vinile saranno distribuite casualmente in tutto il mondo con delle etichette miste scritte a mano, numerate dall’1 al 1969 su vinile argentato e dal 1970 al 2019 su vinile dorato, i restanti saranno su vinile nero.

Tracklist:

[i titoli con simbolo * sono inediti e le due tracce Decca presentate qui sono pubblicate in alta qualità rispetto a quelle contenute nell’edizione deluxe dell’album di debutto di Bowie su etichetta Deram. Nel cofanetto è presente anche una rara versione mono integra di ‘Ching-a-Ling’ dei Feathers.]

CD 1Home Demos
April’s Tooth Of Gold (2.29) *
The Reverend Raymond Brown (Attends the Garden Fête on Thatchwick Green) (2.15) *
When I’m Five (3.18) *
Mother Grey (3.00)
In The Heat Of The Morning (2.59)
Goodbye 3d (Threepenny) Joe (3.19)
Love All Around (2.49)
London Bye, Ta-Ta (3.31)
Angel Angel Grubby Face (version 1) (2.31)
Angel Angel Grubby Face (version 2) (2.37)
Animal Farm (2.21) *
Space Oddity (solo demo fragment) (2.39)
Space Oddity (version 1) with John ‘Hutch’ Hutchinson (4.02)
Space Oddity (version 2) with John ‘Hutch’ Hutchinson (5.00) *
Space Oddity (version 3) with John ‘Hutch’ Hutchinson (5.10)
Lover To The Dawn with John ‘Hutch’ Hutchinson (3.50)
Ching-a-Ling with John ‘Hutch’ Hutchinson (2.58)
An Occasional Dream with John ‘Hutch’ Hutchinson (2.49)
Let Me Sleep Beside You with John ‘Hutch’ Hutchinson (2.54)
Life Is A Circus with John ‘Hutch’ Hutchinson (4.50)
Conversation Piece (3.47) *
Jerusalem (4.19) *
Hole In The Ground with George Underwood (3.29) *

CD 2The ‘Mercury’ Demos with John ‘Hutch’ Hutchinson
Space Oddity (5.28)
Janine (3.53)
An Occasional Dream (3.18)
Conversation Piece (3.31)
Ching-a-Ling (3.35)
I’m Not Quite (aka Letter To Hermione) (4.00)
Lover To The Dawn (5.01)
Love Song (4.08)
When I’m Five (3.13)
Life Is A Circus (5.33)

CD 3Conversation Pieces (Mono)
In The Heat Of The Morning (Decca mono version) (2.51)
London Bye, Ta-Ta (Decca alternative version) (2.36)

BBC Top Gear radio session with the Tony Visconti Orchestra, recorded 13th May, 1968

In The Heat Of The Morning (3.01)
London Bye, Ta-Ta (2.39)
Karma Man (3.07)
When I’m Five (3.14)
Silly Boy Blue (4.32)
Ching-a-Ling (2.51)
Space Oddity (Morgan Studios version – alternative take) (4.22)* with John ‘Hutch’ Hutchinson
Space Oddity (U.K. single edit) (4.42)
Wild Eyed Boy From Freecloud (single B-side – mono mix) (4.54)
Janine (mono mix) (3.23)
Conversation Piece (3.06)

BBC Dave Lee Travis Show radio session, recorded 20th October, 1969

Let Me Sleep Beside You (3.20)
Unwashed And Somewhat Slightly Dazed (4.03)
Janine (3.03)

CD 4 – 1969 stereo mixes

The original David Bowie (aka Space Oddity) album

Space Oddity (5.14)
Unwashed and Somewhat Slightly Dazed (inc. Don’t Sit Down) (6.51)
Letter To Hermione (2.32)
Cygnet Committee (9.31)
Janine (3.21)
An Occasional Dream (2.54)
Wild Eyed Boy From Freecloud (4.46)
God Knows I’m Good (3.17)
Memory Of A Free Festival (7.09)

The Extras

Wild Eyed Boy From Freecloud (single B-side stereo mix) (4.56)
Letter To Hermione (early mix) (2.32) *
Janine (early mix) (3.23) *
An Occasional Dream (early mix) (2.54) *
Ragazzo Solo, Ragazza Sola (full length version) (5.14)

CD 52019 mixes (all previously unreleased)

The Space Oddity album

Space Oddity (5.20)
Unwashed and Somewhat Slightly Dazed (6.18)
Letter To Hermione (2.32)
Cygnet Committee (9.28)
Janine (3.21)
An Occasional Dream (2.57)
Wild Eyed Boy From Freecloud (4.50)
Conversation Piece (3.11)
God Knows I’m Good (3.16)
Memory Of A Free Festival (7.14)

The Extras

Wild Eyed Boy From Freecloud (single version) (4.59)
Ragazzo Solo, Ragazza Sola (5.20)