“Flores No Mar”, torna il pop esotico e psichedelico di Populous


“Per la religione afrobrasiliana del Candomblé, Lemanja è la madre di tutti gli Orisha, regina del mare e protettrice di tutte le donne, si invoca il suo aiuto promettendole alcune delle sue cose preferite: fiori, profumi, vino e altre bellissime cose femminili. Quando ci si innamora della persona sbagliata chiediamo a Lemanja di essere liberati dal desiderio. Emmanuelle offre alla dea i suoi fiori preferiti, ballando in un mare sconfinato, nel buio della notte”.

Esotismo, psichedelia e un omaggio agli afro samba di Vinicius de Moraes convivono in Flores No Mar, il brano che segna il ritorno sulle scene internazionali di Andrea Mangia, aka Populous, deejay, autore di colonne sonore, sound designer per il web, musei e sfilate di moda.

A tre anni da Azulejos, il producer sfodera il primo estratto dal nuovo album W, in uscita il 22 maggio per La Tempesta International (in Italia) e per Wonderwheel Recordings (nel resto del mondo). Il brano è stato pubblicato in anteprima il 1 aprile dal magazine americano The Fader e vede la collaborazione di Emmanuelle, performer brasiliana, cresciuta a Miami e di base a Milano.

Achille Lauro riparte dal “16 marzo”

“Cari amici,
sono nuovamente qui a scrivervi, in un periodo in cui scrivere è uno dei pochi modi che abbiamo di tenere vivo il contatto umano.
Oggi vi parlo di un sentimento comune a tutti.
Qualcosa di così irreale da diventare affascinante.
Così affascinante che me ne sono avvelenato.
Nel mese dei nuovi amori,
il mese in cui ognuno torna da chi non lo starà cercando più.
È una tempesta dentro me.
È ciclica.
Perdere tutto per inseguire un’illusione.
Oggi sono senza costume, senza trucco, innamorato di un ricordo.
Vi presento il nuovo me.
Ve lo affido.
Grazie
A presto”



Neanche due mesi dopo aver sconvolto la liturgia sanremese con le imaginifiche esibizioni sulle note di Me ne frego, Achille Lauro volta completamente pagina e riparte da un nuovo brano, 16 marzo, il primo primo pubblicato per Elektra Records, l’etichetta di cui è anche direttore creativo.

Un vero e proprio nuovo inizio, lontanissimo dalla carica rock/dance del singolo precedente: il brano si presenta infatti come una power ballad intima, melodica e struggente, un nuovo passo nella crescita artistica di uno dei nomi più influenti e sorprendenti degli ultimi anni.

“Ho sempre curato con attenzione maniacale tutto ciò che riguardasse la mia musica: dalle parole dei miei brani, alla direzione delle produzioni musicali, all’immaginario visivo, ma soltanto adesso assaporo la libertà di forgiare la musica a mia immagine e somiglianza. Sono mesi che non dormo. Sono ossessionato dal creare. Ho trovato “il me” che ho sempre cercato. In questi giorni di isolamento, che mi hanno costretto ad un processo introspettivo e di meditazione profonda, ho trovato la forza creare arte e dare vita a questo brano, 16 marzo, che descrive l’attuale urgenza simbiotica di raccontare una nuova fase della mia eterna rinascita con un nuovo linguaggio, libero e liberato. Mai come questa volta sento la mia musica così mia” aveva dichiarato Achille Lauro nell’annunciare per la prima l’arrivo del nuovo brano.

Achille Lauro sta trascorrendo questo periodo con Gow Tribe, che con lui ha prodotto 16 marzo: “È come se lo avessimo già fatto. Già sentito. Sempre esistito. A volte c’è qualcosa di mistico. Sembra che le canzoni si compongano da sole, che abbiano un’anima propria o che ce le stiano donando dal cielo” – così viene descritta la fase di creazione del brano. Il racconto poi prosegue: “È un momento particolare. Intimo. Ultraterreno. Il vestito che dovrà avere questo brano è quello che eravamo. Nostalgico come il passato. È come ripensare a quando si aveva 9 anni. Qualcosa di talmente inesistente ormai, da diventare affascinante. Talmente affascinante da avvelenarmi. Era solo una lettera per lei”.

Grimes: il video di “You’ll Miss Me When I’m Not Around” lo realizzano i fan


Visionaria e lontana dalle convenzioni, Grimes pubblica il video del suo ultimo singolo, You’ll Miss Me When I’m Not Around, con il green screen, lasciando libero sfogo alla creatività dei fan.

La cantautrice canadese non ha mai fatto mistero di essere cresciuta tra campionamenti di bootleg e creazioni artistiche fai-da-te, al punto da considerare questa attività una parte vitale dell’esplorazione dello stile personale e della creatività.
Per questo ha scelto di condividere il suo ultimo video con il green screen, incoraggiando i creatori del web a dare la loro personale interpretazione del video, come parte di un progetto artistico collettivo, usando i file grezzi e le basi audio, messi a disposizione.
L’intero pacchetto di file e tool è disponibile a questo link.

L’operazione, unica nel suo genere, vede Grimes collaborare con WeTransfer, ArtStation e Native Instruments per estendere l’invito alla più ampia comunità creativa possibile.

I creatori possono pubblicare i loro video su YouTube e condividere il link su Twitter utilizzando l’hashtag #grimesartkit.
I video migliori saranno pubblicati sui canali social di Grimes.

La “canzone sbagliata” di Danti, Luca Carboni e Shade


Arriva il 3 aprile Canzone sbagliata, il nuovo singolo firmato dall’inedito trio Danti, Luca Carboni & Shade.

Un gustoso pezzo pop all’insegna della leggerezza e dell’ironia, costruito su riferimenti alla musica italiana e internazionale e abbinamenti improbabili, dalle “mani piccole come Morandi”, al “mitra in mano come Gandhi”, “le braccia forti come i delfini”, fino ai “baffetti come Mussolini”, correndo “a quattro zampe come un pollo”.

“Cantare insieme a Luca è stato davvero un grande regalo, ed è un piacere tornare a collaborare con Shade. Per quanto riguarda Luca, se vi dico che il brano che ho ascoltato di più nel 2019 è stato Fragole buone buone? Appena abbiamo registrato il brano ho capito che era la persona giusta per la canzone sbagliata!”, ha commentato Danti,

Questa le parole di Luca Carboni: “In questo strano e difficile momento è stato davvero liberatorio cantare con Danti e gli altri amici questa canzone…sbagliata. Consapevole che in fondo non c’è niente di sbagliato se questa montagna di errori vi porterà a cantare e sorridere come abbiamo fatto noi”.
Shade aggiunge: “Ci siamo divertiti a sbagliare, perché fare sempre tutto giusto sarebbe monotono, no? Non c’è una formula magica per fare le hit ma sicuramente un ingrediente che aiuta è il divertimento, e quello in studio con Danti non manca mai!”

 

Simone Tomassini: un inedito per cantare la speranza di “quando tutto finirà”


Charlotte , l’altra sera mi ha detto “Papi, quando tutto finirà andiamo con il camper al mare?”. Mi sono messo al pianoforte ed è nata “Quando tutto finirà “ svegliando il mio amico Fernando. La copertina l’ha disegnata Charlotte. Spero possa donare un po’ di “speranza” di forza e di grinta per tornare più forti di prima.È dai bambini che dobbiamo imparare, dalla loro innocenza e spensieratezza.La stanno affrontando con una maturità assurda, incredibile.Sono proprio loro la “luce” nuova. E “Quando tutto finirà “ ringraziamoli per non averci mai lasciato la mano.

Scritto di getto durante una notte insonne, Quando tutto finirà è l’inedito pubblicato nei giorni scorsi da Simone Tomassini, ispirato dalle parole pronunciate dalla figlia Charlotte.
Un brano di speranza per guardare avanti e pensare a tutto quello che potremo finalmente ricominciare a fare dopo, quando tutto finirà.

“Eternantena”, l’inedito social di Mahmood


“A volte è solo nel silenzio che ci si ricorda chi siamo e cosa vogliamo diventare. Tutti i giorni leggo i vostri messaggi pieni di sostegno e incoraggiamento e per ringraziarvi ho deciso di farvi un piccolo regalo. Questo è il mio primo inedito social, in regalo a tutti”.
Con queste parole Mahmood ha annunciato via social la pubblicazione di Eternantena, un nuovo brano nato durante il periodo di isolamento per l’emergenza Coronavirus.

Non si tratta di un vero e proprio nuovo singolo, ma di un “inedito social” disponibile – almeno al momento – solo su YouTube come ringraziamento ai fan.

Prodotto da Muut (Francesco Fugazza e Marcello Grilli), il pezzo mostra sonorità decisamente meno immediate di Soldi o dell’ultimo Rapide, rivelando la vena più sperimentale e personale della scrittura di Alessandro.

Le tappe dei VAN DER GRAAF GENERATOR diventano 7: si aggiunge Brescia!

VAN DER GRAAF GENERATOR

LE TAPPE DEL TOUR ITALIANO DIVENTANO SETTE CON BRESCIA!

Dopo aver comunicato lo spostamento del tour a dopo l’estate nel rispetto dei provvedimenti di contenimento del virus COVID-19, i Van der Graaf Generator annunciano una nuova data italiana che va ad aggiungersi alle sei già annunciate.

Ecco l’itinerario della formazione nel nostro paese:

Venerdì 4 Settembre 2020 – ROMA – Auditorium Parco della Musica / Sala Sinopoli

Sabato 5 Settembre 2020 – VERUNO (NO) – 2Days Prog +1 / Ingresso gratuito

Domenica 6 Settembre 2020 – GENOVA – Politeama Genovese

Giovedì 8 Ottobre 2020 – BOLOGNA – Teatro Celebrazioni

Venerdì 9 Ottobre 2020 – PADOVA – Gran Teatro Geox

NUOVA DATA: Sabato 10 Ottobre 2020 – BRESCIA – Gran Teatro Morato

Domenica 11 Ottobre 2020 – MILANO – Auditorium

Ricordiamo che i biglietti emessi per i concerti inizialmente previsti per aprile 2020 sono validi per accedere alle nuove date, mentre i biglietti per la tappa di Brescia sono già disponibili sui circuiti Ticketmaster, Ticketone e Fastickets.

VAN DER GRAAF GENERATOR

Venerdì 4 Settembre 2020

Roma, Auditorium Parco della Musica / Sala Sinopoli – via Pietro de Coubertin, 30

Biglietti disponibili su Ticketone

Platea: € 40,00 + prev.

Galleria: € 30,00 + prev.

Sabato 5 Settembre 2020

Veruno (NO), 2Days Prog +1 – piazza Roma

Ingresso gratuito

Domenica 6 Settembre 2020

Genova, Politeama Genovese – via Nicolò Bacigalupo, 2

Biglietti disponibili su Ticketone

1° settore: € 42,00 + prev.

2° settore: € 36,00 + prev.

3° settore: € 29,00 + prev.

 

Giovedì 8 Ottobre 2020

Bologna, Teatro Celebrazioni – via Saragozza, 234 

Biglietti disponibili su Ticketone e Vivaticket

1° platea: € 40,00 + prev.

2° platea: € 35,00 + prev.

Balconata e palchi: € 30,00 + prev.

 

Venerdì 9 Ottobre 2020

Padova, Gran Teatro Geox – via Tassinari, 1

Biglietti disponibili su Ticketone, Ticketmaster e Fastickets

Prima Platea: € 40,00 + prev.

Seconda Platea: € 35,00 + prev.

Tribuna Gold: € 30,00 + prev.

 

Sabato 10 Ottobre 2020

Brescia, Gran Teatro Morato – via S. Zeno, 168

Biglietti disponibili su Ticketone, Ticketmaster e Fastickets

Prima poltrona: € 40,00 + prev.

Seconda poltrona: € 35,00 + prev.

Tribune: € 30,00 + prev.

 

Domenica 11 Ottobre 2020

Milano, Auditorium – largo Gustav Mahler 

Biglietti disponibili su Ticketone

Platea A: € 42,00 + prev.

Platea B: € 36,00 + prev.

Galleria e palchi: € 30,00 + prev.

ELODIE: Date live di “THIS IS ELODIE” rinviate in autunno.

ELODIE

a causa dell’attuale situazione italiana le date live di

“THIS IS ELODIE”

VENGONO TO:

SPOSTATE IN AUTUNNO

CALENDARIO AGGIORNATO




Mercoledì 30 settembre 2020 – MILANO @Santeria Toscana 31 – NUOVA DATA

Sabato 03 ottobre 2020 – ROMA @Teatro Centrale – NUOVA DATA

Prevendite Autorizzate:

Ticketone.it

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali.

I biglietti precedentemente acquistati restano validi per le nuove date.

A causa della situazione italiana attuale, dovuta all’emergenza coronavirus, Vivo Concerti comunica lo spostamento delle date live di Elodie, previste a Milano e Roma il 16 e il 18 aprile, rispettivamente al 30 settembre presso la Santeria Toscana 31 e al 3 ottobre presso il Teatro Centrale.

In occasione dei due concerti, i primi della carriera musicale di Elodie, la giovane cantante romana porterà sul palco le canzoni contenute nel nuovo disco “THIS IS ELODIE”, tra le quali “Andromeda”, certificato disco d’oro e attualmente uno dei brani più ascoltati in radio, e le hit con cui ha già fatto ballare tutta l’Italia, come “Nero Bali” e “Margarita”, entrambi certificati doppio disco di platino.

 

DETTAGLI DATE:

 

“THIS IS ELODIE”

 

Mercoledì 30 settembre 2020

MILANO @ Santeria Toscana 31

Orari

Apertura Porte – Ore 20:00

Show – Ore 21:30

Prezzo Biglietto

Posto Unico – € 20,00 + € 3,00 diritti di prevendita

 

Sabato 03 ottobre 2020

ROMA @ Teatro Centrale

Orari

Apertura Porte – Ore 19:00

Show – Ore 21:00

Prezzo Biglietto

Posto Unico – € 20,00 + € 3,00 diritti di prevendita

“Gaia, il pianeta blu”, il canto d’amore per la Terra di Francesca De Mori


Questa è la storia di un video pronto a uscire prima che un virus invadesse la nostre quotidianità, togliendoci anche le più semplici abitudini, compresa quella di un abbraccio o di una giornata passata al sole di inizio primavera.
Ma questa è anche la storia di un brano che in un momento tanto critico vuole essere un manifesto di amore per la Terra, in tutta la sua delicata e preziosa varietà.
Gaia, il pianeta blu è il nuovo singolo estratto da Archetipi, ultimo lavoro di Francesca De Mori, pubblicato lo scorso ottobre.

Artistica eclettica e da sempre alla personale ricerca di nuove forme sonore, Francesca De Mori affida al sofisticato incontro del pop e del jazz il messaggio raccolto nel suo ultimo singolo, prodotto insieme a Daniele Petrosillo, autore anche di testo e musica.

“Gli eventi mi hanno portato a pensare che forse non era il caso che forse non si doveva “disturbare” un momento così delicato come questo che ci ha colpiti, a livello globale, con un video. Ho ripetutamente rimandato l’uscita, all’inizio fissata sul primo marzo. Osservando gli eventi, invece, ho compreso che posso solo testimoniare questo momento. Non posso rinunciare a un qualcosa che è successo per pura coincidenza. Così il video di “Gaia, il Pianeta Blu” arriva anche a voi con queste immagini, in un momento in cui tutti noi abbiamo bisogno di musica, bellezza e amore”.

“L’arte si pone sul crinale immaginifico, visionaria, in anticipo, ci domanda, ci informa. Lasciamo che innondi i nostri profili che non smetta di essere, in tutte le sue forme, le energie del collettivo vanno sostenute. Sono giorni spaventosi ma la speranza è forma vitale. Un animale lotta fino alla fine secondo natura e la nostra natura è divina e dunque naturale al tempo stesso.
Noi siamo in Gaia, il pianeta Blu, non siamo scissi. Non permettiamo alla paura di affossarci. Pensandoci in lei, possiamo chiederle di insegnarci il modo di ritornare alla vera economia, all’abbondanza, dunque a non vivere separati. Questa distanza che ci viene imposta quanto ci fa soffrire. Con la voce, immateriale presenza vi raggiungo nella stessa materia che ci compone, con il linguaggio universale della musica, che abbatte tutti i muri. Se ti piace condividi il video e porta con te e custodisci le parole di questa canzone e un testimone tu sarai”.

3.15.20, torna di Childish Gambino. Nel nuovo album anche Ariana Grande


Se è vero che in tempi di Coronavirus e di quarantena la musica non può e non deve fermarsi per dare a tutti uno spiraglio sul mondo esterno, l’arrivo di un nuovo album non può che essere una buona notizia, soprattutto se il disco in questione arriva praticamente a sorpresa e porta la fIrma di uno dei talenti più visionari del panorama urban dell’ultimo secolo.
Esce infatti in digitale 3.15.20, ultima creazione di Donald Glover, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Childish Gambino.
L’album è il primo su etichetta Wolf+Rothstein/RCA Records.

Il nuovo progetto discografico è disponibile in due versioni: una divisa in tracce per tutte le piattaforme digitali e un’altra sotto forma di traccia unica con i pezzi mixati, presente sul sito https://donaldgloverpresents.com/

3.15.20 include 12 brani con importanti collaborazioni: Ariana Grande21 Savage e Khadja Bonet.

Per promuovere un’esperienza di ascolto condivisa, ai fan di tutto è stata data la possibilità di ascoltare 3.15.20 contemporaneamente su DonaldGloverPresents.com per un periodo di tempo limitato.

Questa la tracklist:
0.00
Algorhythm
Time
12.38
19.10
24.19
32.22
35.31
39.28
10 42.26
11 47.48
12 53.49