BITS-RECE: Alberto Nemo, 6X0 Live (Vol. 1). Terrificante liturgia funerea

BITS-RECE: radiografia emozionale in una manciata di bit.
COVER
Musica come liturgia. Musica come lamentazione.
È un ambiente mistico, terrificante, macabro e solenne quello in cui siede Alberto Nemo.
Il suo ultimo lavoro, 6X0 Live (Vol. 1), registrato in presa diretta, è un crogiolo di densa caligine sulfurea e polvere dorata d’incenso: la dimensione mistica sconfina dove iniziano i tremori funerei, a loro volta spazzati via da dolorose litanie.
L’incedere del tempo è annullato, tutto è immobile e sospeso in una nuvola notturna: i tappeti musicali sono logori e putrescenti drappi violacei di oscuri sintetizzatori e tremanti voli di archi, mentre la voce oscilla tra cavernose modulazioni gregoriane e momenti di acuto e femmineo lirismo, in un’aura di disperazione, morte e sacralità. Le parole si dilatano fino a mutarsi in nenie strazianti, elevate al cielo da un altare spoglio, dirette a un Dio che probabilmente non ascolterà mai.
20901614_847834835382813_9012230328214843212_o
Se una fede c’era, ha lasciato il posto a una cupa desolazione, come uno sguardo che si alza al cielo e trova gli angeli ridotti in polvere.
Tra musica classica, liturgica ed elettronica, il lavoro di Alberto Nemo è uno straripante contenitore di nere suggestioni.

A completare il progetto, un secondo volume di prossima pubblicazione.

HIM: la band finlandese si scioglie e annuncia l'ultimo tour

734417_10151542837842704_1186989712_n
“Dopo un quarto di secolo di amore e di metallo intrecciati, sentiamo che gli HIM abbiano fatto il loro corso innaturale e sia arrivato il momento degli adii, per visitare luoghi, profumi e suoni ancora inesplorati. Abbiamo completato il percorso, risolto il puzzle e girato la chiave. Grazie.”

Ebbene sì, dopo anni passati tra le tenebre a raccontare storie di morte, adii, lacrime e fantasmi, la storia degli HIM è giunta al capolinea.
L’annuncio è stato dato sulla pagina Facebook della band da Ville Valo, il tenebroso leader che ha dato volto e voce a tutti i brani.
Per l’occasione, a giugno partirà un tour d’addio che toccherà 14 paesi in 35 concerti: prevista anche una data italiana il 7 dicembre all’Alcatraz di Milano.
I biglietti saranno in vendita da mercoledì 8 marzo.
Prossimamente saranno annunciati concerti in America e in Finlandia.
‘till Death Tears Us Apart, ora più che mai.
https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Ftheheartagram%2Fposts%2F10155119364482704&width=500

BITS-RECE: Winter Severity Index, Human Taxonomy

BITS-RECE: radiografia di un disco in una manciata di bit.
Winter Severity Index_Human Taxonomy
Il progetto Winter Severity Index è nato a Roma nel 2009 e dopo una serie di rivolgimenti e la pubblicazione di alcuni EP è oggi formato da Simona Ferrucci e Alessandra Romeo.

Il duo arriva oggi alla pubblicazione del secondo album, Human Taxonomy, dopo l’uscita di Slanting Ray nel 2014.
Il titolo di questo nuovo lavoro allude volontà classificatoria dell’essere umano, nei confronti della realtà a lui circostante, ma anche di se stesso. L’uomo ridotto a una categoria vede sostituire la sua personalità con un modello precostituito, e anche nel suo volersi dichiarare diverso, incappa a volte in un gioco di maschere ed etichette.
Winter Severity Index_2 (HD)
Per descrivere tutto ciò, le Winter Severity Index ci immergono in un labirinto oscurissimo di suoni, echi, distorsioni, un dedalo di tenebre claustrofobico e terrificante da cui davvero sembra di non trovare uscita.
Se amate le atmosfere gotiche e nere, Human Taxonomy vi farà sentire a casa e vi cullerà, diversamente non desidererete altro che rivedere la luce.