Justin Timberlake: Man Of The Woods esce il 2 febbraio

image001
Con il Super Bowl in programma per il prossimo 4 febbraio, l’uscita di un nuovo album era quasi scontata, mancava solo l’annuncio ufficiale. Ora c’è!

Justin Timberlake sta infatti per pubblicare il suo quarto album in studio, Man Of The Woods, in uscita il 2 febbraio.
Il pre-order sarà disponibile da venerdì 5 gennaio, quando arriverà anche il nuovo singolo, Filthyscritto e prodotto dallo stesso Timberlake insieme a Timbaland e Danja, con il contributo per i testi di James Fauntleroy e Larrance Dopson.


Man Of The Woods si annuncia come il lavoro più ambizioso che Justin abbia mai fatto sia per la musica che per i testi, unendo le sonorità del rock tradizionale americano con le influenze più moderne di collaboratori del calibro di The Neptunes, Timbaland, Chris Stapleton, Alicia Keys.
Il nuovo album esplora le diverse possibilità di racconto ispirate dal suo amore per il figlio, la moglie e il suo viaggio personale che da Memphis lo ha portato dove è ora.

Il colorato e futuristico video di Filthy è stato diretto da Mark Romanek. e vede Timberlake nei panni di un moderno inventore che sta presentando la sua ultima creazione al mondo.
Nell’attesa dell’uscita il 2 febbraio saranno poi pubblicati pubblicherà altri 3 video, ognuno con caratteristiche di stile e colore molto diverse, diretti da 3 registi differenti. Le tre canzoni saranno pubblicate ogni settimana, con inizio il 18 gennaio per arrivare alla pubblicazione dell’intero album.
Poi, il 4 febbraio sarà la volta del Pepsi Super Bowl LII Halftime Show.

Lady Gaga, una fuoriclasse al Super Bowl

img_5538
Ha fatto da sola, senza ospiti, accompagnata sul palco solo dai suo i ballerini e dai musicisti. Ha cantato dal vivo, dando grandissimo spazio alle sue vecchie bit, quelle pop e dance, concedendosi all’amato pianoforte solo durante Million Reasons.
Per il suo HalfTime Show, Lady Gaga è stata strepitosa come non mai, una vera fuoriclasse, dimostrando a tutto il nodo (e non esagero, perché la risonanza dell’evento lo permette) cosa voglia dire essere un mostro da palcoscenico.
Ha iniziato sul tetto dello stadio di Houston, intonando God Bless America e This Land Is Your Land, mentre nel cielo sopra di lei centinaia di droni si muovevano compatti a dar vita alla forma della bandiera americana.
Poi si è letteralmente buttata nel vuoto, piombando sul palco sulle note di Poker Face. Da quel momento è stato un susseguirsi di fiammate di musica e coreografie. Spettacolo con la S maiuscola, come diceva essere e come è stato.
Nessun ospite, niente Beyoncé in Telephone – come già si era detto – e nemmeno Tony Bennett per qualche numero jazz.
L’essenza dell’esibizione di Gaga è stato (fortunatamente) il pop, nudo e crudo, che è passato anche attraverso Born This Way, Just Dance e Bad Romance.
Se mai qualcuno ne avesse bisogno, Lady Gaga ha fatto capire come si fa a fare spettacolo. Il resto sono tutte chiacchiere.

Aspettando il Super Bowl: l'ultimo anno di Lady Gaga

x5eajeph_5rl
Sicuramente ha già deciso la scaletta, probabilmente ha già scelto gli abiti e forse ha anche già imparato a memoria le coreografie: fra poche settimane Lady Gaga ha un impegno, penso di poter dire il più importante della sua vita, almeno fino a oggi. 

Domenica 5 febbraio infatti sarà lei la protagonista dell’Haltime Show alla cinquantunesima edizione del Super Bowl, la finale del campionato di football americano, ovvero il più atteso evento mediatico per gli Stati Uniti, che quest’anno si svolgerà all’NRG Stadium di Houston: un evento che ogni volta raccoglie davanti al televisore almeno 100 milioni di telespettatori sparsi per il mondo.L’Halftime Show è un vero e proprio miniconcerto di un quarto d’ora scarso che riempie l’intervallo tra i due tempi della partita, e la popstar ci sta lavorando almeno da settembre, quando la sua presenza è stata ufficializzata.
Una tappa che ha segnato la carriera dei nomi più mastodontici della musica mondiale, da Michael Jackson a sua sorella a Janet (vi ricordate lo scandalo del capezzolo nel 2004?), passando per Diana Ross, Shania Twain, i Black Eyed Peas, Paul McCartney, Prince, Bruce Springsteen, Madonna, Beyoncé, Katy Perry, fino ai Coldplay e Bruno Mars, protagonisti dell’ultima edizione.

Per Gaga la partecipazione al Super Bowl 2017 non sarà però la prima: proprio l’anno scorso era infatti stata affidata a lei l’apertura dell’incontro con l’inno americano. Una responsabilità che in passato ha visto scivolare grandi artisti in esibizioni non esattamente memorabili (vi ricordate Christina Aguilera?), ma a cui Lady Gaga è andata incontro brillantemente: fasciata in un completo rosso metallizzato, la Germanotta ha offerto una performance barocca (e forse un po’ troppo enfatica) di The Star-Spangled Banner, accolta da unanime entusiasmo. Pare sia stato proprio il successo di quell’esibizione ad aver convinto gli organizzatori a scegliere lei per l’Halftime Show 2017.

Ma il 2016 si era già aperto per la cantante nel migliore dei modi, con la vittoria ai Golden Globe come miglior attrice in una serie televisiva per la sua interpretazione in American Horror Story: Hotel nel ruolo della Contessa. Per Stefani Germanotta non si trattava della prima esperienza davanti alla macchina da presa, ma era la prima volta che veniva nominata per un premio così prestigioso.

Neanche una settimana dopo l’esibizione sul campo del Super Bowl con l’inno americano, Gaga è poi salita sul palco dei Grammy, dove era attesa per rendere omaggio a David Bowie. Realizzata in collaborazione con la Intel – azienda specializzata in dispositivi elettronici -, la sua è stata un’esibizione decisamente scenografica, in cui lo stile “gaghesco” ha preso sotto braccio il mondo del Duca Bianco, in un incontro di musica e tecnologia.
lady-gaga-grammy-awards-2016

A fine febbraio è stata invece la volta degli Oscar, dove Gaga si è lasciata sfuggire il premio per la miglior canzone originale (Til It Happens To You, presente nella colonna sonora del documentario The Hunting Ground), lasciando comunque il segno con una toccante performance: vestita di bianco, seduta al pianoforte, la cantante è stata raggiunta sul finale da cinquanta ragazzi vittime di abusi sessuali.

Il 2016 infuocato di Lady Gaga è proseguito poi con l’onore che le ha riservato il patinatissimo V Magazine, per il quale Gaga è stata direttrice nell’intera issue primaverile: per l’occasione, la rivista è uscita in edicola con ben 16 differenti copertine, record mai raggiunto prima. All’interno, servizi fotografici firmati tra gli altri da Steven Klein, Terry Richardson e Nick Knight.


A maggio la popstar ha raccolto l’invito della superdirettrice di Vogue Anna Wintour e non si è fatta mancare la scintillante sfilata sul tappeto rosso del Met Gala, l’evento modaiolo che richiama ogni anno al Metropolitan di New York il gotha del mondo dello spettacolo: richiamandosi al tema della serata, incentrato sulla moda nell’era della tecnologia, Gaga ha sfoggiato un abito di Versace ispirato alle componenti elettroniche .
lady-gaga-510x600
Con l’arrivo dell’estate, l’attenzione si è pian piano concentrata sull’attesissimo ritorno discografico, del quale si sono via via svelati i dettagli: ad aprire le danze è stato a inizio settembre il singolo Perfect Illusion (che forse non ha avuto i risultati sperati), mentre il nuovo album è arrivato il 21 ottobre. Il titolo, Joanne, è un omaggio alla zia, sorella del padre, morta in giovane età: con questo nuovo disco abbiamo assistito a un deciso cambiamento di rotta nel percorso musicale di Gaga, che ha messo un po’ da parte il pop, la dance e l’elettronica dei lavori precedenti per abbracciare più intime atmosfere acustiche, di chiara influenza country. La risposta del pubblico non si è comunque fatta attendere e per la quarta volta consecutiva un album di Lady Gaga ha debuttato al primo posto della classifica americana.
lady_gaga_joanne
Per far prendere confidenza con il nuovo album, già all’inizio di ottobre Gaga aveva dato il via al Dive Bar Tour, una tranche di tre concerti ambientati in altrettanti bar a Nashville, New York e Los Angeles. Tra le attività promozionali legate al disco non si possono inoltre non citare la partecipazione al Carpool Karaoke di James Corden, divenuto nell’ultimo anno uno degli appuntamenti della TV americana più seguiti, e l’esibizione ai Billboard Awards con il singolo Million Reasons.


Dopo un 2016 a dir poco intenso, da alcune settimane tutto l’impegno di Lady Gaga è dedicato alla preparazione dello show del Super Bowl.
Al momento però ogni dettaglio su ciò che farà è celato dietro una cortina di mistero, salvo per qualche foto, da cui però non si deduce granché.

Provando a fantasticare, ho pensato a quale spettacolo mi piacerebbe vedere sul campo dello stadio di Houston, e questa è la scaletta del mio ideale Halftime Show targato Gaga:
Just Dance
Born This Way/Express Yourself (featuring Madonna)
Bad Romance
Poker Face
Telephone (featuring Beyoncé)
Million Reasons
You And I (featuring Lady Antebellum)
The Edge Of Glory.

Quanto questa fanta-scaletta è esatta lo si scoprirà il 5 febbraio. Nel frattempo l’attesa cresce e i preparativi fervono….