Collection A: Angélique Cavallari tra poesia ed elettronica

angelique cavallari in studio
Si intitola Collection A ed è il progetto musicale che vede protagonista Angélique Cavallari.

Impegnata prima di tutto nel cinema e nella moda, l’artista italo-francese si è messa ora all’opera anche con tastiere e sintetizzatori per dar vita a un lavoro elettronico in costante evoluzione.
Il progetto di Collection A è il diretto discendente di Universo A – Nutriti di nuvole e Terra, la raccolta di poesie pubblicate lo scorso anno, che trova in queste composizioni anche una forma musicale su cui prendono posto le parole (talvolta solo sussurrate) dei versi.
“Il mio primo amore rimane il cinema e il mio lavoro principale quello dell’attrice, ma sono sempre stata attratta dalle vibrazioni musicali. La poesia è un’arte molto antica e l’idea di portarla nella quotidianità in una chiave contemporanea mi ha fin da subito intrigato, così ho iniziato a lavorare su suoni, rumori, sfondi sonori, per poi comporre delle vere e proprie soundtracks elettroniche, a volte parlate e a volte no. Il risultato? Universi onirici, paesaggi sonori-emotivi e dimensioni spazio-temporali uniche nel loro genere. Ho scoperto che c’è una vera e propria corrente di poesia sonora, assolutamente all’avanguardia”.

Quello proposto da Angélique è un mondo sonoro liquido, fatto di atmosfere fluide, crepuscolari e sintetiche, tra ambient music e sperimentazione.
Al progetto ha preso parte anche Alexis Bret.

I brani di Collection A sono attualmente disponibili su Youtube e sono in costante aggiornamento, mentre prossimamente è prevista l’uscita di un album.

BITS-RECE: Pieralberto Valli, Atlas. Un eterno canto alla luna

BITS-RECE: radiografia di un disco in una manciata di bit.
16473505_1812690158769427_4271449576929042113_n
“Che fai tu, luna, in ciel? Dimmi, che fai, / silenziosa luna?” chiedeva disperato alla luna Leopardi nel meraviglioso Canto notturno di un pastore errante dell’Asia.
Non so se nel cuore di Pieralberto Valli alberghi la stessa disperazione e il medesimo bisogno di trovare risposte esistenziali, ma ascoltando le 10 tracce di Atlas ci ho ritrovato dentro una forza meditativa molto vicina a quella del cantore di Recanati, senza contare che a essere chiamata in causa è anche lei, la luna, spettatrice muta.
Ritagliandosi uno spazio personale dai suoi Santo Barbaro, per la prima prova solista Valli sembra essersi voluto fermare per guardarsi dentro, in un lungo viaggio fatto di pensieri, riflessioni e qualche domanda. Qualcosa di molto vicino a un viaggio mistico, ma che poco ha di spirituale e vagheggiante e molto conserva invece di umano e terreno.
Fiumi di parole che galleggiano e rotolano in un flusso di elettronica, ambient e trip hop, in cui non manca anche – pressoché costante – il pianoforte, che insieme alla voce di Valli e l’altra vera anima narrante dell’intero disco.
Pensieri di vita, d’amore, di disperazione, sempre sussurrati da una voce lattea e mai urlati, in un incidere lento e languido.
Poesia dei giorni nostri per un cuore umano che batte tra sollievo e dolore eterni.

BITS-RECE: Brian Eno, Reflection. Un generatore di pensieri

BITS-RECE: radiografia di un disco in una manciata di bit.
warp280_packshot_3000
Brian Eno è uno di quegli artisti che appaiono sempre troppo grandi per essere racchiusi dentro alle scatole delle parole. Personalità e genio mentale come il suo sfuggono alle catalogazioni, al tempo, alle mode, e rischiano di far apparire banale ogni tentativo di inquadrarli.

Accade proprio questo per Reflection, il nuovo album del musicista inglese: già il concetto di album per questo lavoro non funziona, perché non si tratta di una raccolta di canzoni, bensì di un’unica traccia di 54 minuti. Non una novità per lui, che già in passato aveva pubblicato lavori simili, come Thursday Afternoon dell’85 e Neroli del ’93.
Un lavoro “ambient”, dove il termine sta a indicare un preciso tipo di musica, pensato dal suo autore come infinito e fluido, un continuo e incessante divenire di suoni sempre uguale a se stesso eppure sempre diverso, proprio come quando si guarda un fiume.
Un concetto musicale quasi filosofico, se si aggiunge il fatto che per Eno la musica ambient dovrebbe avere il preciso compito di stimolare le parole e il pensiero (da qui il titolo) di coloro che la ascoltano, quasi come un sottofondo, diventandone a tutti gli effetti parte integrante.
Infine, Reflection è un album di musica che il suo stesso creatore definisce “generativa”, basata cioè su gruppi di suoni e frasi assemblati seguendo determinate regole probabilistiche, modificati e poi fissati solo quando l’autore ne è perfettamente soddisfatto.
brian-eno-shamil-tanna

Tutto troppo astratto? Può darsi, ma il risultato è qualcosa di assolutamente magnifico e di una bellezza universale; verrebbe quasi da scomodare l’aggettivo mistico, se non fosse che di trascendentale qui dentro c’è davvero poco, nessuna verità rivelata, nessuna presunzione di avvicinare il divino, ma solo – si fa per dire – lo splendore di creare note utilizzando terrene strumentazioni elettroniche.
Ad accompagnare il progetto anche un’ omonima app molto avanguardia progettata per Apple TV e iOS, in grado di creare, anzi generare, una versione dell’album potenzialmente infinita con tanto di immagini, anch’esse generative, seguito ideale di The Ship, il progetto audio-sonoro rilasciato alcuni mesi fa.
Non si può, non si riesce a spiegare diversamente cosa sia Reflection: lo si può solo ascoltare, abbandonandocisi dentro e lasciando che a parlare siano i pensieri.
È proprio Brian Eno a chiedervelo.


 

#NUOVAMUSICA: How To Dress Well, Lost Youth/Lost You

Si intitola Lost Youth/ Lost You ed è il nuovo singolo di How To Dress Well, progetto dietro al quale si celaTom Krell, giovane musicista americano Tom Krell.
image012

Il prossimo 23 settembre il ragazzo torna sulle scena con il suo quarto album, Care, anticipato da questo bellissimo singolo dal sapore ipnotico tra ambient ed elettropop.
E visto che anche l’occhio vuole giustamente la sua parte, il brano è stato accompagnato da un video che emana sensualità a ogni fotogramma.

Per i più audaci è disponibile anche una versione non censurata, visibile a questo link.