Jova Beach Party: la pazza estate di Jovanotti su 15 spiagge italiane

L’estate 2019 si annuncia già come una grandissima festa a suon di musica, con Jovanotti a far da gran cerimoniere.
Dopo un 2018 che lo ha visto impegnatissimo e scatenatissimo in un tour che ha passato in rassegna 67 palazzetti lungo tutta la penisola, raccogliendo ben 560 mila spettatori, Lorenzo Cherubini ha infatti annunciato l’avvio di una nuova, specialissima serie di concerti per la prossima estate. Si chiamerà Jova Beach Party, e a detta del diretto interessato sarà “più di uno stadio, più di un palasport, più di un concerto”: sarà un’immensa festa all’insegna della libertà e del divertimento, “un’esperienza artistica, fisica, sensoriale” che dal 6 luglio al 24 agosto si sposterà lungo 15 spiagge italiane.

Un vero e proprio tour in alcune delle nostre più importanti mete balneari (e non solo): qualcosa che in Italia non era mai stato organizzato, e che prende spunto dai grandi festival nazionali e internazionali, con in più l’elemento dell’essere itinerante.
Le 15 location sono state scelte con cura, e comprendono quelle spiagge che necessitano di un po’ di camminata per essere raggiunte: ecco allora Spiaggia Bell’Italia a Lignano Sabbiadoro (sold out), da dove il 6 luglio prenderà il via il Jova Beach Partye, e poi le spiagge di Rimini (sold out), Castel Volturno, Marina di Cerveteri, Barletta, Olbia, Albenga (sold out), Viareggio (sold out), Lido di Fermo, Praia a Mare, Roccella Jonica, Policoro, Vasto, Lido degli Estensi, per arrivare il 24 agosto alla conclusione in una “spiaggia” molto speciale ad alta quota a Plan de Corones, nelle Dolomiti.

Dal momento che ogni spiaggia è diversa dall’altra, anche ogni evento sarà inevitabilmente diverso dall’altro e quindi irripetibile, a cominciare dalla line up: Lorenzo non sarà infatti l’unico protagonista degli eventi, ma accanto a lui si alterneranno di volta in ospiti italiani e internazionali che verranno annunciati nel corso dei prossimi mesi.
Ogni evento del Jova Beach Party inizierà alle 14 e proseguirà fino al concerto serale, e anche oltre: il pubblico avrà così la possibilità di godersi il sole e il mare, o di partecipare alla diverse attività previste all’interno della vasta area in cui si svolgerà show, organizzata come una vera e propria città temporanea, un villaggio sulla spiaggia, un’idea di mondo, un happening per il nuovo tempo.
Tra le varie attività e attrazioni, anche la presenza del Jova Pop Shop, il temporary store nato durante l’ultimo tour per salutare la nascita dell’album Oh, vita!.

E poi ancora bancarelle, aree per i bambini, aree per il ristoro, bar, aree relax, e addirittura un’area adibita alla celebrazione dei matrimoni.
Se Jovanotti sarà il protagonista sul palco come “dj totale” con concerti che si annunciano a dir poco grandiosi tra visual, luci e oggetti scenografici, risulta quindi evidente che non meno protagonista di ogni evento saranno anche gli spettatori, che animeranno a loro modo l’intera giornata nell’attesa dello show serale.

Una nuova APP guiderà il pubblico in tutta la fase di lancio fornendo tutti gli aggiornamenti sull’iniziativa e sui servizi: parcheggi, navette, percorsi-natura, mappe, etc., ma anche all’interno del Jova Beach Party illustrando le caratteristiche ambientali del luogo e le mille opportunità offerte dalla giornata: ospiti, attività speciali, il programma e gli orari delle esibizioni di ogni giornata.

Trattandosi di un evento a strettissimo contatto con la natura, Lorenzo non poteva non tener conto anche dell’impatto che il Jova Beach Party avrebbe avuto sull’ambiente. L’obiettivo è infatti quello di lasciare ogni spiaggia “più bella di come è stata trovata”, e da qui è nata la collaborazione con il WWF nel PlsticFree Tour, una campagna di sensibilizzazione al problema dell’inquinamento e all’utilizzo della plastica.

I biglietti per il Jova Beach Party sono già in vendita al prezzo unico di 52 euro, più i costi di prevendita. Per la data di Marina di Cerveteri i biglietti saranno in vendita a partire dalle 11 di martedì 8 gennaio sul circuito TicketOne.
I bambini sotto gli 8 anni avranno la possibilità di entrare gratuitamente.

Tutte le info sono disponibili al sito TridentMusic.it.

Da Mahmood a MYSS KETA: un’estate oltre i tormentoni

mahmood
Amore e capoeira
 è fisso ai piani più alti delle classifiche, Italiana di Fedez e J-Ax ce la ritroviamo ogni due minuti in radio, il reggae-pop di Non ti dico no dei Boombadash con la Loredana nazionale lo stiamo amando tutti già da un paio di mesi e Nero Bali di Elodie e Michele Bravi è indubbiamente un bel pezzone tropical-italiano.
Ma se i supertormentoni fanno già parte delle playlist da portarsi in vacanza, appena un passo al di là del circuito radiofonico c’è un mondo altrettanto pop che vale la pena scoprire prima di partire, anche solo per variare un po’ tra un gorgeggio della Ferreri e una rima di Baby K.
Ecco qui allora una piccola e arbitraria selezione di 12 (perché le cifre tonde sono noiose, soprattutto in estate) singolini estivi, allegramente in ordine sparso.
achille
Achille Lauro featuring Cosmo, Angelo Blu
E’ la traccia che apre Pour L’Amour, l’ultimo album di Achille Lauro ed è un perfetto quanto sorprendente incontro tra la samba trap dell’artista romano e il nuovo genietto dell’elettropop nostrano. Un trip visionario e psichedelico di dipendenza ed elettronica.

MYSS KETA, Monica
Lei è stata senza dubbio una delle grandi scoperte del 2018. Già sulla scena da qualche anno, ma fino a pochi mesi fa confinata nell’underground meneghino, la diva mascherata più misteriosa in circolazione ha pubblicato ad aprile il suo primo album con Universal, UNA VITA IN CAPSLOCK, di cui Monica è il quinto estratto. Ironia a tonnellate, riferimenti alla cultura di massa, slogan iconici e la produzione di Populous ne fanno un’arma affilata per le serate a bordo piscina nella villa di Arcore.

Mahmood, Uramaki
Lui è una delle grandi promesse dell’urban italiano: lo abbiamo visto a Sanremo nel 2016 e lo abbiamo ascoltato l’anno scorso con Pesos. Quest’anno torna con un singolo tra elettropop e R&B con un testo introspettivo, ambientato nelle vie più esotiche di Milano, con una grande voglia di evasione.

Marianne Mirage, Copacabana Copacabana
Un’immersione nel carnevale di Rio, con la produzione sempre oculatissima di Big Fish e Rhade. Copacabana Copacabana è la sorpresa iper-carioca che non ti aspetti da Marianne Mirage, cantautrice raffinatissima di casa Sugar.

Eman, Milano
Con quel suo stile che è hip-hop senza essere hip-hop, rock senza essere rock ed elettronico senza essere elettronico, Eman traccia con contorni profondi un ritratto senza sbavature e indulgenze della metropoli lombarda.

DJ Besford featuring Eleonora Mazzotti, Todo Rainbow
Sonorità elettroniche e tropicali fanno da sfondo a un inno alla positività e alla leggerezza realizzato dal fashionissimo DJ Besford, qui in collaborazione con la romagnola Eleonora Mazzotti.

lemandorle, Gelato colorato
Si può descrivere il capolinea di una storia d’amore senza cedere ai toni avvilenti della tristezza? A giudicare da quello che ha fatto il due lemandorle in Gelato colorato, sì, decisamente si può. Elettropop dall’aura vagamente vintage e una metafora caleidoscopica per guardarsi negli occhi e dirsi che è finita.

Lele, Giungla
Un pezzo per Napoli e i napoletani, così Lele ha parlato del suo ritorno con Giungla. L’r’n’b incontra il pop, mentre le parole portano in altissimo l’orgoglio della città partenopea spogliandola di tutti i pregiudizi.

Luana Corino, Gita al mare
Non sempre l’abbandono fa rima con la solitudine. Nel suo ultimo singolo, per esempio, Luana Corino racconta una storia di libertà. Una rivendicazione femminile serena come una gita al mare promessa, non mantenuta e poi recuperata. Anche da soli.

Alessandro Casillo, Ancora qui
Del ragazzino che avevamo conosciuto in TV un po’ di anni fa c’è ben poco: dopo essersi preso una bella pausa, Alessandro Casillo è tornato con un singolo, Ancora qui, che ha l’aria di essere qualcosa di più di un semplice comeback discografico.

Arashi, Sud America
Punta dritto al di sotto dell’Equatore e all’ombra delle palme Riccardo Schiara, in arte Arashi. Urban, house e vividi colori tropicali sono la colonna sonora di un viaggio in Sud America, da un open bar di Bogotà all’ultimo piano in ascensore… ma attenzione agli alligatori!

Briga, Che cosa ci siamo fatti
Un pezzo così malinconico sembrerebbe non azzeccarci nulla con il clima leggero dell’estate, ma è pur vero che anche al mare ci sono i giorni grigi di temporale. Questa canzone è proprio per quei momenti di nuvoloni, in cielo o nella testa.

Movement Croatia: dal 28 luglio al 1 agosto il meglio dell’elettronica suona a Tisno

Cinque giorni di grande musica elettronica in una location da sogno: impossibile?? NO!
flyermovecro

E’ Movement Croatia Summer Festival 2016: dal 28 luglio al 1 agosto Tisno, in Crozia, ospiterà uno dei più grandi festival di musica in Europa.
A promuovere l’evento è Movement Europe, già alla guida di Movement Torino Music Festival e Kappa FuturFestival presentano, in collaborazione con The Garden Resort. 
Per la prima volta il festival si svolgerà in un nuovo formato diurno e notturno, dopo la club edition della scorsa stagione.

Nelle cinque giornate dell’evento si alternerà il meglio della scena internazionale, con nomi come Sven Väth, Nina Kraviz, Ben Klock, Dave Clarke, Derrick May, Marcel Dettmann, Solomun, David Morales.
1978909_10152277776726224_1885600429_n
Movement Croatia si dividerà in due location principali:

The Garden Resort sarà la sede degli eventi diurni. Locato in una fantastica cornice naturale, immersa nel verde, con baia privata e un incredibile bar sulla spiaggia, così vicino al mare che sembrerà di ballarci dentro : 3 palchi e 2 boat party giornalieri. Il palco principale si trova poco più indietro in una location immersa nella natura, intima ed emozionante. Accanto all’ombra degli alberi l’Olive Grove stage.

Barbarella’s Discotheque ospiterà invece gli after party notturni: una delle più belle discoteche della Croazia, totalmente all’aperto e recentemente menzionata da DJ MAG al 39esimo posto nella classifica dei migliori club al mondo.
11239654_10153355096636224_4021243495506368323_n

I biglietti e i pacchetti ticket+hotel sono disponibili sul sito www.movement.hr.

#NUOVAMUSICA: Moreno,Un giorno di festa

Frutto dell’incontro con Big Fish, Un giorno di festa è il nuovo singolo di Moreno, antipasto estivo del nuovo album in arrivo il 2 settembre.
Moreno_Un Giorno Di Festa_Copertina

Il brano, ultra-light e “colorato”, sembra riproporre un po’ la ricetta che lo scorso anno fece scoppiare la bomba di Roma-Bangkok: base tra dancehall, pop ed elettronica, una forte dose di hip hop touch e testo spensieratissimo, dove il sole e le spiagge sono i protagonisti.

Tutti i presupposti per farne una nuova mega-hit.

Furbino, il ragazzo, furbino!! 

#NUOVAMUSICA: Paola Iezzi, Lovenight

Per annunciarlo nei giorni scorsi si è mobilitato mezzo mondo dello spettacolo, da Max Pezzali a Nek, passando per Emis Killa e Miriam Leone, fino a Ornella Muti. Tutti a ricordare l’appuntamento del 24 giugno, il giorno del gran ritorno.

È allora eccolo qua, è uscito Lovenight, l’ultima fatica discografica di Paola Iezzi.

image

Una vera e propria immersione di estate, veste freschissima ultra-pop farcita di qualche rimando nostalgico agli Eighties, una bella spinta internazionale e un piccolo omaggio a Bowie in copertina, con la blackstar-orecchino.

Passano gli anni, le sorelle Iezzi non cantano più insieme, ma state pur certi che quando si sente odore di estate arrivano… almeno una delle due.

Roma-Bangkok… un anno dopo

1438210297_Giusy-Baby-K-evidenza-1280x62819 giugno 2015.

Estate alle porte, scuole finite, studenti in libertà, un caldo record che di lì a poche settimane avrebbe fatto boccheggiare l’intera penisola.

All’estate mancava solo una cosa, un elemento che – a dire il vero – latitava ormai da parecchi anni: il tormentone disco-radiofonico. Ma qualcosa, quel giorno, sarebbe successo. Da casa Sony infatti usciva quello che nel giro di un paio di mesi sarebbe diventato il più grande successo discografico italiano degli ultimi anni.
A dar vita al progetto era un’accoppiata del tutto inedita e forse un po’ bislacca, almeno a prima vista, Baby K e Giusy Ferreri: rapper-femmina alpha la prima, interprete dall’inconfondibile timbro a singhiozzo la seconda. Il brano era, ovviamente, Roma-Bangkok.

Un po’ dancehall, un po’ reggaeton, molto pop, la canzone era la quintessenza della voglia di svagare, viaggiare da Milano fino ad Hong Kong, passando per Londra da Roma fino a Bangkok. Un perfetto brano estivo come molti altri ne sono usciti ogni anno, ma qui la ricetta deve aver avuto un ingrediente misterioso.

roma-bankok-di-baby-k-feat-giusy-ferreri-oltre-100-milioni-di-visualizzazionia-q3wf6 (1)

Dopo i primi giorni di fisiologico rodaggio, Roma-Bangkok ha infatti iniziato una lenta, inesorabile salita nelle classifiche di ogni tipo: dalle discoteche, ai network radiofonici, passando per i download, i canali streaming e i video on line, non c’è stato angolo d’Italia in cui la canzone non abbia risuonato almeno una volta.

Un successo forse inaspettato anche per le dirette interessate: mettere insieme Baby K e Giusy Ferreri era infatti una scommessa, una di quelle roventi, perché entrambe avevano alle spalle due esperienze discografiche accolte tiepidamente (rispettivamente gli album Una seria e L’attesa), e avevano perciò bisogno di un rilancio “col botto”.

Concentrata in meno di 3 minuti e scritta da Baby K insieme a Federica Abbate, Takagi e Mr. Ketra, Roma-Bangkok era lì, pronta per uscire, l’occasione giusta per lanciare una bomba. Come in effetti è stato.
Passavano le settimane, ma l’entusiasmo per il brano non accennava a diminuire: è arrivato settembre, i ragazzi sono tornati sui banchi, l’estate si è sciolta, ma Roma-Bangkok era ancora lì, altissima nelle chart, e dava filo da torcere alle nuove uscite autunnali. A fine anno il brano è risultato il più venduto e il più ascoltato in streaming.

I dischi di platino si sprecavano: uno, due, tre, quattro…. Alla fine, con il 2016 già inoltrato, saranno ben sette, con la vertiginosa cifra di oltre 350 mila copie vendute.

Un successo che ha scavalcato i confini nazionali per arrivare nelle classifiche di Francia, Svizzera, Spagna, Russia, Sud America.

E intanto, silenziose, crescevano a dismisura le visualizzazioni del video su Vevo: le marachelle di Baby K e Giusy a bordo della Cadillac guadagnavano milioni e milioni di clic, fino a raggiungere l’ennesimo record. L’11 aprile 2016, a meno di un anno dall’uscita, la clip ha tagliato la soglia dei 100 milioni di visualizzazioni, primo video italiano a registrare un simile risultato.

Lo scorso febbraio, con una mossa francamente un po’ poraccia e decisamente economica, il video è stato riutilizzato pari pari anche per accompagnare la versione spagnola.

Ma oltre alle versioni ufficiali sono arrivate, immancabili, tantissime parodie:

Difficile, se non impossibile, dire cosa ha decretato un successo di questa portata: probabilmente una fortunata coincidenza di fattori. Di sicuro, se c’è qualcuna che da questa esperienza esce trionfatrice è Giusy Ferreri, chiamata in teoria a ricoprire il ruolo dell’ospite, ma che di fatto ha dato alla canzone il tratto decisivo che tutti abbiamo conosciuto, lasciando sullo sfondo il rap della compagna Baby K.

Oggi, a un anno dalla sua uscita, Roma-Bangkok è ancora presente nelle principali classifiche di vendita, senza esservi praticamente mai uscita, e c’è da scommettere che l’arrivo della nuova estate farà ripartire il forsennato viaggio delle due ragazzacce…

andata senza ritorno