Marco Mengoni: un red carpet… da leone a Los Angeles


E’ ufficiale, Marco Mengoni sarà la voce di Simba adulto nella versione italiana del Re Leone, il nuovo flive action targato Disney in uscita nelle sale il prossimo 21 agosto.
Il 9 luglio il cantante, reduce dalla trionfale tournée dell’Atlantico Live, è stato invitato alla premiere mondiale del film a Los Angeles, sfilando sullo stesso red carpet di Beyoncé (che dà la voce a Nala adulta nella versione inglese), Donald Glover (Simba adulto), il regista Jon Favreau e gli altri membri del cast americano.

Nel Marco interpreta anche L’amore è nell’aria stasera, versione italiana del brano di Elton John Can You Feel The Love Tonight.

Photo by Alberto E. Rodriguez/Getty Images for Disney

Intanto il 14 luglio, Mengoni partirà per il Fuori Atlantico Tour, una serie di speciali appuntamenti live alla scoperta della natura e delle bellezze italiane nel completo rispetto dell’ambiente. L’ennesimo riconoscimento, nell’anno in cui festeggia i 10 anni di carriera con 50 dischi di platino, dopo il successo dell’album doppio platino e un tour sold out in Italia ed Europa con oltre 200mila biglietti venduti.

All I Want For Christmas Is…. James Corden!

img_5483-1
Che Dio benedica James Corden!
Quest’anno il suo Carpool Karaoke ha portato una deliziosa ventata d’aria fresca diventando un vero fenomeno del web, oltre che un successo in televisione: da Adele a Justin Bieber, Jennifer Lopez, Gwen Stefani, Chris Martin, Elton John, Lady Gaga, Madonna e Bruno Mars, tutti hanno voluto concedersi un quarto d’ora in macchina con lui, tra chiacchiere spassosissime ed episodi di karaoke più o meno sgangherati.
Per ringraziare il pubblico dell’affetto dimostrato in questi mesi, è stata realizzata una puntata speciale del Carpool Karaoke, che vede protagoniste molte delle star che quest’anno hanno preso parte al gioco alle prese con la celeberrima All I Want For Christmas Is You, ormai diventata l’inno assoluto delle feste.
E ad aprire le danze, o meglio i canti, non poteva che essere lei, Mariah Carey!
Babbo Natale, se ancora non sai cosa portarmi, fammi trovare sotto l’albero James Corden con la sua auto: sarà un Natale fantastico!!

“Sono pigro, torno alle cover”: Giuliano Palma torna con Groovin’

GIULIANO PALMA0470colorresize
Dagli Aristogatti a Elton John, passando per Vasco Rossi.

Dopo Old Boy, uscito due anni fa, per il nuovo progetto discografico, Giuliano Palma torna al mondo delle cover,e lo fa con Groovin’. Il motivo di questa scelta è lui stesso a rivelarlo, tra il serio e il faceto: “Sono pigro, di una pigrizia che a volte rasenta l’accidia: inizialmente volevo tornare con un album di inediti, poi ci sono state delle vicissitudini personali e professionali che mi hanno tenuto lontano dalla scrittura, e la pigrizia ha preso il sopravvento: non volevo pubblicare un disco di cui non fossi convinto, così ho scelto le cover”.
Per la prima volta nella sua carriera, durante la lavorazione di Groovin’ non ha curato personalmente tutti i dettagli – a cominciare dai fiati -, ma si è affidato alle mani del nuovo team, di cui fanno parte Fabrizio Ferraguzzo, Riccardo “Deepa” Di Paola e Riccardo “Jeeba” Gibertini, perché – confessa – aveva capito di potersi fidare e di aver trovato in loro il giusto feeling, il “groove” che dà il titolo all’album.

booklet_giulianopalma_groovin.indd

E lui il groove è uno che ce l’ha sempre avuto, a differenza di altri che si sono persi, distratti, e che il groove non hanno saputo mantenerlo: sono proprio queste persone quelle che, metaforicamente, compaiono sulla copertina del disco girate di spalle, mentre lui prosegue per la sua strada guardando dritto l’obiettivo (“Dicono che sono un crooner, e quindi croono“), sempre attraverso gli immancabili occhiali neri.
E proprio parlando di groove e del nuovo gruppo di lavoro, Giuliano non riesce a trattenersi dall’esprimere il rammarico e la rabbia per la fine del rapporto professionale con il suo storico collaboratore e amico Fabio Merigo: “Insieme avevamo una missione, e dopo tanti anni non avrei immaginato che finisse così, invece l’ho visto perdersi per strada per una donna. E’ stato come un tradimento”.

Nelle 13 cover dell’album non mancano le partecipazioni, come quella di Cris Cab nella versione italiana di Bada Bing, scelta come primo singolo (“Per la versione italiana la casa discografica si è rivolta a me: è la prima volta che metto in un mio album un pezzo di cui sono solo ospite”), Fabri Fibra per Splendida giornata di Vasco Rossi, riletta in chiave reggae, Clementino in I say I’ sto cca di Pino Daniele (“La presenza di Fabri Fibra e Clementino mi aiuta ad avvicinare a miei suoni un pubblico che altrimenti ne resterebbe distante: sono felice che Fibra abbia accettato, perché è un artista per nulla mondano, Clementino ha spaccato rappando in slang”), e Chiara in Don’t Go Beaking My Heart, portata al successo a Elton John e Kiki Dee (“Chiara l’ho conosciuta perché abbiamo lo stesso management: per questo pezzo è perfetta”).
Tra gli altri brani, menzione speciale meritano Eternità dei Camaleonti, You’ll Never Walk Alone, scritto nel 1945 dal duo statunitense Rodgers/Hammerstein e così popolare da divenire l’inno ufficiale del Liverpool (“Quando ci sono le partite è bellissimo vedere tutto il pubblico, dal bambino alla vecchietta con la sciarpa della squadra, intonare la canzone”), Qui e là di Patty Pravo, e Alleluja! Tutti jazzisti, tratta dal cartone animato Gli Aristogatti e già presente in We Love Disney (“Questo era il pezzo che tutti gli artisti coinvolti nel progetto volevano fare, ed è stato affidato a me!”).

A chiudere l’inedito Un pazzo come me (“Parla degli inquieti”).

Groovin’ è dedicato a Carlo Ubaldo Rossi, musicista e produttore scomparso nel 2015 in un incidente: “La sua perdita è uno strazio, non saprei definirla diversamente”.

Da JLO ad Adele: il folle karaoke di James Corden

jennifer_lopez_james_corden
Si intitola Carpool Karaoke e se non l’avete ancora visto dovete assolutamente rimediare perché è una delle cose più assurde e irresistibili che ci siano in giro.

Di cosa si tratta? Molto semplice: il Carpool Karaoke è un segmento del The Late Late Show with James Corden, programma trasmesso dal 2015 sulla CBS e condotto dall’inglese James Corden.
In ogni episodio, Corden ospita a bordo della propria auto una star della musica e insieme iniziano a girare con la radio a palla facendo karaoke. Un po’ quello che almeno una volta abbiamo fatto tutti in auto, solo anziché avere di fianco l’amico dei tempi delle medie o la prozia ottantenne, James Corden si ritrova a cantare con Jennifer Lopez, Mariah Carey, Gwen Stefani, Chris Martin, Elton John, Sia, i Red Hot Chili Peppers, Stevie Wonder o Adele, e anziché girare per le strade di Rozzano o Tor Pignattara lo fa per le vie di Los Angeles.

Tra musica e chiacchiere, il risultato è qualcosa di semplicemente spassoso.
adele-late-late-show-carpool-karaoke

Prendete per esempio l’episodio con Jennifer Lopez (il mio preferito…), quando Corden si cimenta nelle mosse sexy di Waiting For Tonight, o quando invia un messaggio “hot” a un contatto della rubrica telefonica di JLo.

Oppure l’episodio con Gwen Stefani, George Clooney e Julia Roberts, alle prese con We Are The Champions.

O la lotta nel prato di Corden con Anthony Kiedis dei RHCP e la loro sfida a colpi di addominali…

Prendi una star, portala in macchina, accendi la radio… e lo spettacolo è servito!

… e intanto io sogno già anche gli episodi con Madonna e Lady Gaga…

Dai James, portale a fare un giro!